Pallacanestro Crema a Desio cerca il pass per la finale di Supercoppa

La semifinale meno attesa della Supercoppa di serie B va in scena
mercoledì sera alle 20.30 al PalaCremonesi.

A contendersi il diritto di sognare la qualificazione alla Final Eight
saranno infatti la Pallacanestro Crema e l’Aurora Desio, una sfida che
ha avuto negli anni innumerevoli repliche.

Mentre Crema ha sconfitto in casa Pavia, ovviando alle numerose
assenze con una notevole dose di agonismo e freddezza nei momenti
chiave, Desio ha espugnato il campo di Bergamo contro una formazione
appena scesa dalla LegaDue.

Anche ad inizio stagione la seconda partita in tre giorni si farà
sentire e molto dipenderà dalle capacità di recupero degli atleti in
campo.

Desio schiera in cabina di regia l’ex Piadena e Pisogne Leone, esperto
playmaker classe 1994 protagonista di due promozioni negli ultimi
anni.

L’uomo più pericoloso dei brianzoli dovrebbe rivelarsi la guardia
Sirakov, esterno con molti punti nelle mani.

L’altro esterno, Ivanaj, lo scorso anno a Varese, è un pericoloso
tiratore da tre punti. Sotto le plance giostrano Giarelli, ala/centro
offensivamente pericoloso sia spalle che fronte al canestro ed il
centro ex Assigeco Vangelov, giocatore di 213 cm., grande intimidatore
difensivo ma in possesso di mani molto educate.

A disposizione di coach Ghirelli ci sono i play Nasini e Di
Giuliomaria, ottimo tiratore, la guardia ex Crema Molteni, le ali
Gallazzi e Mazzoleni ed il centro Piarchak.

Il vice allenatore cremasco Pedroni ci presenta il match: “Desio è una
neopromossa, ma è una società storica, con un passato in serie A ed
una dirigenza che conosce bene la categoria. Anche il roster è formato

da giocatori che hanno spesso militato in serie B. E’ una squadra in
fiducia, che ha vinto sul campo di una delle favorite, hanno
l’entusiasmo della neopromossa e per una squadra quasi nuova come la
nostra sarà dura. Loro sono aggressivi, prediligono il gioco in campo
aperto, con delle buone individualità. Il fattore campo conterà il
giusto, vista l’affluenza limitata, ma entrambe le squadre ormai hanno
l’obiettivo di raggiungere la finale.”.

Commenta
(Visited 32 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.