Pallacanestro Don Bosco, Aprea: "Non inganni il fatto che Prato sia una neopromossa"

Due settimane dopo il blitz esterno, il secondo stagionale , sul terreno di Altopascio, la prima squadra della Pallacanestro Don Bosco sale nuovamente sul pullman, destinazione Prato. Un viaggio niente affatto agevole; del resto basta scorrere la rosa a disposizione dei lanieri per comprenderne il valore. Coach Pinelli può contare sul primo realizzatore italiano, il terzo in assoluto, del torneo: quel Fontani che ne mette 20,75 a partita. Non solo, a fargli compagnia autentici califfi per la categoria come Danesi, Staino e Taiti, tutti in doppia cifra quanto a punti partita, rispettivamente con 12,7, 15,2 e 10,1. Tutto scontato allora ? Non proprio, certo la partita è difficile ma l’analisi delle cifre qualche speranza la concede: vero che Prato vanta numeri migliori in ogni specialità, ma la differenza non è poi così accentuata. Nei tiri da due gli uomini di Pinelli vantano il 45 %, il Don Bosco il 44, dalla lunga il 33 contro il 30 rossoblu ed anche quanto a rimbalzi conquistati la differenza è minima. Se aggiungiamo che i labronici hanno già vinto due volte in trasferta e che Prato a domicilio ha già ceduto a Legnaia, Virtus Siena e Castelfiorentino, una speranziella di calare il tris esiste. A patto di offrire una prestazione impeccabile, come ribadisce coach Marco Aprea: “Anche domenica prossima ci aspetta una partita da prendere con le molle; non inganni il fatto che Prato sia una neopromossa, il suo roster è imbottito di giocatori di grande esperienza che hanno militato in categorie superiori. Basti pensare ai nomi di Taiti, Danesi e Fontani, tutta gente che in questa categoria può davvero fare la differenza. Per rimanere in partita fino alla fine, e magari cercare il colpaccio, dovremo scendere sul parquet laniero con grande agonismo, giocando su alti ritmi e sporcando i loro attacchi, magari tenendo basso il punteggio della partita”.

Fonte: Ufficio Stampa Pallacanestro Don Bosco

Commenta
(Visited 60 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.