La Pallacanestro Don Bosco lotta, ma deve cedere a Spezia

La Toscana Food lotta, ma deve cede a Spezia

 

Finisce con un ko la gara casalinga della Toscana Food con Spezia; gli uomini di Marco Aprea giocano una buona partita, rimanendo a contatto degli ospiti fino a pochi minuti dalla fine. La volata finale, però, premia la maggior esperienza e fisicità dei liguri che, a 5′ dalla sirena finale, infilano un parziale di 13-0 che chiude la contesa, regalando a Loni e compagni due punti di platino nella corsa alla salvezza.

 

La Cronaca – In casa Toscana Food Don Bosco coach Marco Aprea si affida al quintetto composto da Marco Creati, Mencherini, Mazzantini, Stefano Mori e Onojaife. Nei liguri l’allenatore Padovan risponde con Suliauskas, Kibildis, Loni, Fazio e Steffanini. L’inizio è nel segno dell’equilibrio; le due squadre trovano con buona continuità la retina avversaria, con la Toscana Food che comunque rimane avanti nel punteggio. Da metà tempo in poi, però le polveri offensive della Toscana Food Don Bosco si inaridiscono e, a 2’45” dalla prima sirena, Spezia mette il naso avanti, sull’11-10, grazie ad una tripla di Kibildis. Un margine che i liguri aumentano al termine del primo periodo, chiuso con gli uomini di Padovan avanti per 16-13. Le cifre dei primi 10′ testimoniano il predominio delle difese sui rispettivi attacchi: Spezia tira con il 41,2 % dal campo, i padroni di casa con il 37,5. In avvio di secondo quarto, i liguri escono dai blocchi manco fossero Usain Bolt, stampano un parziale di 10-3 e volano a +10. La Toscana Food non ci sta, a segnare la riscossa è una stupenda schiacciata di Onojaife, ed i labronici ricuciono lo strappo, prendono la scia di Kibildis e compagni, sprecando, con Bechi, anche la palla del pareggio. Pareggio che però è soltanto rimandato: arriva con due liberi di Stefano Mori, a 25” dall’intervallo lungo, al quale le due squadre vanno in perfetta parità. Anche le cifre di metà partita raccontano del perfetto equilibrio: la Toscana Food Don Bosco tira con il 41,9 %, i liguri con il 41,2. Perfetta parità anche quanto a rebounds catturati: 21 a testa. L’equilibrio permane anche al rientro dagli spogliatoi, con le due squadre sempre a contatto; nella seconda metà la Toscana Food stringe le maglie in difesa e prova l’allungo grazie ad un paio di belle conclusioni di Kuuba, ma Spezia non ci sta e ricuce il gap, agganciando i padroni di casa sul 45-45, grazie ad una tripla di Steffanini, per poi andare all’ultima pausa con 3 lunghezze di vantaggio, sul 48-45. L’avvio dell’ultimo quarto sorride a Spezia: i ragazzi di Padovan timbrano un parziale di 5-0 che regala loro 8 punti di vantaggio: la Toscana Food però non vuol saperne di arrendersi e torna a -3. Quando l’aggancio sembra dietro l’angolo, però, la maggiore esperienza dei liguri viene fuori: gli ospiti impacchettano un parziale di 11-0 raggiungendo il massimo vantaggio della partita, sul 65-51 a 2’38”’ dalla fine. E’ il break decisivo, Marco Aprea chiama time out, ma ormai la partita ha preso la via della Liguria, ed i due punti escono al casello di Spezia, che al termine prevale per 75-53 , un punteggio che non rende giustizia alla prestazione della Toscana Food, rimasta in partita fino a pochi minuti dalla fine.

 

Toscana Food Livorno – Spezia 53-75

 

Toscana Food Don Bosco Livorno: Mori S.2, Mori A., Bellavista, Creati 4, Onojaife 18, Ense 3, Mencherini 11, Bechi 10, Kuuba 5, Mazzantini, Vespasiani, Paoli. All. Marco Aprea, Ass. Iacopo Venucci e Federico Tosarelli.

Parziali: 13-16; 32-32; 45-48; 53-75

Fonte: Ufficio Stampa Pallacanestro Don Bosco

Commenta
(Visited 39 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.