Pesaro in volata rovina il ritorno di Harrison, alla Vitrifrigo Arena termina 86-84

La Carpegna Prosciutto Pesaro torna alla vittoria superando l’Happy Casa Brindisi. Dopo un inizio ad alto ritmo ma abbastanza povero di canestri, si accende il duello sia sotto canestro tra Perkins (24 punti e 11 rimbalzi) e Jones (14 punti e 7 rimbalzi) che tra gli esterni Clark (14 punti) e Moretti (8-11). Nella seconda metà del quarto di apertura, sono i pugliesi a trovare maggiore confidenza in transizione grazie alle triple di Perkins e Redivo (6 punti) valevoli per il +8. Il break di 2-10 è poi sigillato da un bel tiro in penetrazione di Adrian (7 punti e 4 rimbalzi) e un gioco da tre punti dello stesso italo-argentino, spingendo così Brindisi al massimo vantaggio sul 15-26 dopo 10’ di partita. Toccato anche il -13, la Carpegna Prosciutto reagisce sfruttando la difesa a zona, gli eleganti 1vs1 di Lamb (13 punti e 4 rimbalzi) e tre schiacciate consecutive, una più bella dell’altra di Jones: il 12-0 di controparziale è così presto fatto e il match torna sui binari dell’equilibrio (35-35). Al tramontare del primo tempo, Perkins torna a farsi valere sotto i tabelloni e i primi squilli di Harrison – tra canestri ed assist – permettono all’Happy Casa di rispondere a Moretti (7 punti e 4 assist) e Tambone e di restare avanti all’intervallo lungo (42-44).
Nella ripresa, il nuovo arrivato Mejeris alza i giri del motore anche da tre punti e in contropiede ma, dall’altra parte, Clark e la prima bomba di giornata di Harrison non fanno uscire il match dai binari dell’equilibrio (50-51). Successivamente, Delfino (13 punti) e Sanford (21 punti e 6 rimbalzi) iniziano a prendersi maggiori responsabilità offensive dentro e fuori dall’area, respingendo gli assalti della Happy Casa firmati principalmente da Harrison (13 punti, 5 rimbalzi) e Perkins. A fil di sirena del terzo quarto, prima Delfino segna una gran tripla in contropiede e poi Clark si mangia il campo per appoggiare il pallone del 64-63.

Nell’ultimo periodo, è Pesaro a provare la fuga questa volta, ancora trascinata da Sanford, dalla bomba di Zanotti e dall’appoggio di Delfino del +9. Brindisi però reagisce muovendo la palla e concretizzando con Gentile (10 punti) e Udom (76-73). Dopo una rubata di Sanford convertita nell’appoggio del +5, entrambe le squadre non riescono a trovare il fondo della retina per molti minuti, prima che un’uscita dai blocchi di Harrison scriva il 78-76 a 120” dal termine. I liberi di Jones ristabiliscono dalla lunetta e un tiro in avvicinamento di Sanford due possessi pieni di distanza tra le formazioni; gli ultimi tentativi pugliesi sono affidati a Clark, bravo prima a segnare i liberi e poi a rubare un pallone sul pressing a Moretti e a siglare l’appoggio dell’82-80 con 57” sul cronometro. Lo stesso play americano fallisce l’opportunità per pareggiare il match e i successivi viaggi in lunetta di Delfino e Tambone respingono gli assalti di Redivo e Perkins. L’ultima chance è nelle mani di Clark ma un recupero di Delfino, autore appena prima di uno 0/2 ai liberi, non gli permette neanche di provare il tiro per l’overtime. Finisce 86-84.

Comunicato a cura di: Sito Ufficiale Lega Basket Serie A

Commenta
(Visited 34 times, 1 visits today)

About The Author

Massimo Furlani Nato a Trento nel 1998, laureato in Studi Internazionali e aspirante giornalista. Malato del basket tanto italiano quanto americano, Dwyane Wade e Steve Nash gli idoli.