Pesaro, Repesa: "In questo momento le esigenze di molti giocatori sono altre rispetto al nostro budget"

A Mirko Facenda sul “Corriere Adriatico Pesaro”, il coach della Carpegna Prosciutto Pesaro ha fatto il punto della situazione sul mercato della sua squadra: “Per noi sarebbe importante avere la squadra al completo prima del raduno, ma onestamente credo che faremo fatica, perché in questo momento le esigenze di molti giocatori sono altre rispetto al nostro budget. Comunque la cosa fondamentale è che quelli che arriveranno siano i giocatori giusti per noi e quindi non faremo le cose di fretta. Chiaramente se ci sarà l’opportunità di trovare i giocatori giusti nel minor tempo possibile lo faremo altrimenti non avremo fretta”.

La squadra è stata costruita cercando di mischiare esperienza e gioventù: “Come sempre siamo partiti cercando di trovare le persone giuste e che hanno una ottima etica di lavoro, perché ti permettono di lavorare bene e di trovare la giusta chimica a livello di squadra facendo ognuno il suo. Tutti sapete che tipi di giocatori sono Matteo Tambone, Carlos Delfino, Davide Moretti. Mentre i ragazzi che sono arrivati hanno tutti grande voglia di lavorare e di contribuire per ottenere risultati importanti. Chiaramente ho parlato con Mazzola, Visconti e Charalampopoulos e sono soddisfatti della scelta che hanno fatto. Visconti ha fatto molto bene nelle sue precedenti esperienza in A, e la sfida che ci siamo posti a livello personale è quella di portarlo ad essere la guardia titolare, in un ruolo non certo semplice, ma complesso e importante in una squadra di basket. In lui c’è disponibilità a lavorare ed io sono ottimista. Charalampopoulos può coprire due ruoli quello di numero quattro e anche la posizione di tre. Nella scorsa stagione non è riuscito ad esprimere tutto il suo potenziale in un roster ampio come era quello di Venezia, e quindi a diventare un giocatore importante per la Reyer. Successivamente è andato a Bologna, ma anche lui arriva con tanta voglia di lavorare. Abdur-Rahkman viene da un college importante, dove ha giocato una finale NCAA da capitano ed è un giocatore a cui piace mettersi al servizio della squadra facendo tante cose utili”.

Comunicato a cura di: Sito Ufficiale Lega Basket Serie A

Commenta
(Visited 24 times, 1 visits today)

About The Author

Massimo Furlani Nato a Trento nel 1998, laureato in Studi Internazionali e aspirante giornalista. Malato del basket tanto italiano quanto americano, Dwyane Wade e Steve Nash gli idoli.