Reyer Venezia, De Raffaele: "Vittoria importante, su un campo molto difficile"

Grazie ad un ultimo quarto super (16-31 il parziale, 5-28 negli ultimi 7′ e spiccioli), la Reyer Venezia ha espugnato il parquet della Vitrifrigo Arena di Pesaro, spuntandola sulla Vuelle di coach Jasmin Repesa per 65-78. Austin Daye (24+8 rimbalzi e 27 di valutazione) e Stefano Tonut (18+4 rimbalzi e 27 di valutazione anche per lui) sono stati i trascinatori per i Lagunari. I vari Tyler Cain (14+10 rimbalzi e 5 assist), Carlos Delfino (12+7 rimbalzi) e Gerald Robinson (11+7 assist) non sono bastati ai marchigiani.

Così nel post partita coach De Raffaele: “Credo che, in una partita da 40′, sia stata una vittoria costruita al suo interno, con grande intensità. In particolare nei primi due quarti, dove le percentuali non ci hanno assistito, la nostra forza è stata il continuare a difendere in modo duro ed efficace. Poi, una volta finiti sotto abbastanza pesantemente, la nostra difesa con cambi sistematici continui li ha messi in grossa difficoltà“.

Noi, dal canto nostro, abbiamo eseguito bene per portare il pallone o ai tiratori da tre o in pivot basso, come successo spesso con Daye o Watt, che hanno fatto una partita di grande spessore” – prosegue De Raffaele – “Sono particolarmente soddisfatto. Come detto in presentazione, reputo Pesaro una squadra da Playoff, di grande qualità; qui l’hanno spuntata in pochi, quindi per noi è una vittoria importante“.

Siamo una squadra che gioca con tanti italiani protagonisti, provando a far giocare giocatori che, si spera, potranno essere il futuro” – termina il coach della Reyer – “C’è soddisfazione anche per il gran coinvolgimento di tutti i giocatori della squadra stasera (ieri ndr), con tanta solidità. Un percorso che prosegue, ora la testa alla prossima“.

Commenta
(Visited 21 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.