Reyer Venezia, presentato Charalampopoulos: "Felice di essere qui, è una grande opportunità per la mia carriera"

E’ stato presentato il nuovo acquisto della Reyer Venezia Vasilis Charalampopoulos in conferenza stampa, che è andata in diretta Facebook sui canali della società orogranata. Ecco le parole del giocatore greco:“Sono molto felice di essere arrivato in un club come quella della Reyer e giocare per la città di Venezia; è una grande opportunità per la mia carriera.

È la mia prima esperienza fuori dalla Grecia. Il mio ruolo? Posso tranquillamente giocare nel ruolo di ala piccola alternandomi in quello di quattro. Sono un giocatore di sistema e di lettura a cui piace passare il pallone. Non ho ancora una visone molto dettagliata del campionato italiano, ma so che in Italia si gioca molto in velocità e c’è grande atletismo.

Per quanto mi riguarda non sono un giocatore da tantissimi punti a partita, però so leggere le situazioni: sono abile nel passaggio e nel fare le piccole cose; quindi sicuramente penso di poter aiutare la squadra in tanti modi non soltanto dal punto di vista realizzativo. Il mio obiettivo personale è diventare un giocatore migliore.

Obiettivi di squadra? il massimo è vincere dei titoli. Per vincere dei trofei bisogna giocare bene, e tutto ciò passa attraverso il lavoro quotidiano che deve essere sviluppato nel modo migliore possibile. Per me è molto importante avere in squadra Mike Bramos: ho giocato con lui per due stagioni e avevo un grande rapporto anche se all’epoca ero giovanissimo ma facevo parte della prima squadra. Mi ha parlato molto dell’organizzazione e dell’ambiente Reyer e, come detto, sono davvero felice di avere ritrovato Michael”.

Comunicato e dichiarazioni a cura di Ufficio Stampa Reyer.

Commenta
(Visited 29 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.