Reyer Venezia, ufficiale l'ingaggio di Jordan Parks

L’Umana Reyer è lieta di annunciare il raggiungimento dell’accordo con il giocatore statunitense Jordan Parks, proveniente dalla Gevi Napoli. Ala di 201 cm, nato a Staten Island (New York) il 6 aprile 1994, nell’ultima stagione Parks ha disputato 29 incontri di Serie A (29,5 minuti, 14,3 punti, 7,3 rimbalzi di media, con un high di 40 punti e 15 rimbalzi contro la Fortitudo Bologna) e 4 di Supercoppa italiana (10 punti e 3,8 rimbalzi di media).

Formatosi tra la high school di Cambria Heights, il college di Central Florida (vincendo il campionato della National Junior College Athletic Association nel 2013 e la Mid-Eastern Athletic Conference nel 2014) e l’università di North Carolina Central (con cui ha disputato due stagioni NCAA tra il 2013 e il 2015), è arrivato in Italia nel 2014, a Trieste, giocando per due annate in A2. Dopo la parentesi tedesca a Bonn, il ritorno nell’A2 italiana a Capo d’Orlando e l’esordio in Serie A con la maglia di Treviso nel 2019/20, prima del biennio a Napoli, con la conquista della Coppa Italia e della promozione dalla A2 nel 2021.

Sono entusiasta e grato per questa opportunità – le prime parole di Jordan Parks – la Reyer è un club storico con una cultura vincente, sono orgoglioso di far parte di questa famiglia. Ho visto tante partite di Venezia in questi anni, in particolare ricordo la finale scudetto con Sassari. Arrivo in un club ambizioso che ha tanta voglia di vincere, in questi anni la Reyer ha costruito qualcosa di importante e ora voglio dare anche io il mio contributo. Sono già stato a Venezia e sarà meraviglioso rappresentare questa Città, non vedo l’ora di conoscerla meglio. Ci vediamo presto!”.

Comunicato e dichiarazioni a cura di Ufficio Stampa Reyer.

Commenta
(Visited 29 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.