Virtus Pozzuoli travolta in Puglia. Il Ruvo s'impone 93-65

Brutto stop per la Virtus Bava Pozzuoli, che viene travolta a Ruvo di Puglia dalla Tecno Switch di coach Patella con un secco 93-65. La compagine di coach Gentile incappa nel 4° ko di fila, restando ferma a quota 10 in classifica; i pugliesi, invece, si portano a 14.

La partita dura in pratica due quarti. L’avvio è equilibrato, con i padroni di casa che, al massimo arrivano un paio di volte sul +4, ma Pozzuoli tiene bene il campo e, a fine primo quarto, il punteggio dice 24-23 per il Ruvo. La situazione sostanzialmente non cambia nel secondo quarto, anche se sono sempre i ragazzi di Gentile a fare la partita. Gli attacchi faticano a girare a regime, Ruvo tocca un massimo vantaggio di +7, ma gli ospiti riescono a rimanere agganciati, tornando sotto in chiusura di primo tempo. Al 20′, le due compagini tornano negli spogliatoi sul 39-36.

La partita vira decisamente in favore dei padroni di casa nel terzo quarto. Bertocco e Laquintana (rispettivamente 24 e 27 a referto) fanno malissimo alla difesa dei campani, che sono in grosso affanno anche nella metà campo offensiva. Emblematico il parziale del periodo, con un 27-8 che in sostanza chiude la sfida con 10′ d’anticipo (66-44). Il quarto periodo è infatti di gestione per il Ruvo, che la porta a casa 93-65.

TABELLINI

TECNO SWITCH RUVO DI PUGLIA – VIRTUS BAVA POZZUOLI 93-65

PARZIALI: 24-23; 15-13; 27-8; 27-21.
PROGRESSIVI: 24-23; 39-36; 66-44; 93-65.

RUVO: Ochoa 14 (12 rimbalzi), Bonfiglio 6, Di Salvia, Laquintana 27, Poli 2, Bini 16, Bertocco 24, Dell’Uomo 2, Barnaba 1, De Leone 1, Razic. All. Dimitri Patella.

POZZUOLI: Marchini 10, Errico 8, Picarelli, Savoldelli 17, Bordi 7, Tomasello 14, Lurini 6, Mehmedoviq, Nacca 3, Valente. All. Mariano Gentile.

Commenta
(Visited 63 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.