Dinamo Sassari, Pasquini: "L'addio a Bamforth? Vogliamo una guardia più fisica accanto a Spissu"

Negli ultimi giorni c’è stata qualche polemica in casa Dinamo Sassari, in particolare tra il General Manager, Federico Pasquini, e il giocatore statunitense Scott Bamforth. Nello specifico il 29enne, out dallo scorso 12 Gennaio per un infortunio al crociato anteriore del ginocchio sinistro, ha reagito via instagram alle voci circolate nelle ultime settimane, e riguardanti una sua presunta difficoltà nel recuperare dall’infortunio stesso; reazioni secondo molti rivolte proprio a Pasquini.

Fatto sta che i rumors sull’addio di Bamforth alla Dinamo si sono fatte via via sempre più consistenti, ed ora è proprio il GM di Sassari, intervistato da La Nuova, a confermare il tutto: “Scott l’ho preso io; l’ho anche confermato in altre occasioni. Dopo l’infortunio tornerà più forte di prima e chi lo prenderà farà certamente un affare. Siamo nel 2019, e da un infortunio al crociato si guarisce, non c’è dubbio“.

La nostra valutazione non è sul valore del giocatore, ma sul fatto che cerchiamo una guardia più fisica, dato che vogliamo lanciare definitivamente Spissu, facendo il tipo di pallacanestro che vuole Pozzecco” – continua Pasquini – “Poz è molto legato al discorso dei giocatori italiani e noi siamo pagati per fare delle scelte. Se avremo scelto bene o male lo sapremo a fine campionato, e ce ne assumeremo le responsabilità”.

Chiusura sulle voci riguardanti il presunto approdo in Sardegna di Michele Vitali: “Arriva? Sì, ma se non succederà si farà un’altra scelta, sempre su una guardia “fisica” al fianco di Spissu. Ma ripeto, l’infortunio di Scott non c’entra; non c’è nessuna polemica e assolutamente nessun attacco nei suoi confronti“.

Commenta
(Visited 246 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.