Sassari, rinnovo fino al 2025 per Stefano Gentile

È arrivato in Sardegna nell’estate del 2018 e, alla quarta stagione in maglia Dinamo Banco di Sardegna, è ormai uno dei pretoriani del club: Stefano Gentile, già legato al sodalizio sassarese da un contratto fino alla prossima stagione, rilancia e sposa il progetto biancoblu fino al 2025. Una firma che guarda al futuro con lungimiranza, con l’obiettivo di dare continuità al progetto Dinamo e consolidare il ruolo di Stefano come veterano dentro e fuori dal campo.

Originario di Maddaloni, classe 1989, figlio del leggendario Nando, Stefano ha un lunghissimo curriculum nella massima ribalta nazionale dove ha indossato – tra le altre- le maglie di Olimpia Milano, Juve Caserta, Pallacanestro Reggiana e Virtus Bologna: nel suo palmares figurano due Supercoppe Italiane, una vinta con Reggio Emilia e una in maglia Dinamo nel 2019 a Bari, e la Fiba Europe Cup, prima coppa continentale della storia del Banco conquistata a Wurzburg il 1°maggio 2019.

In maglia Dinamo ha scritto il suo career high nella incredibile corsa dei playoff 2019 quando, in gara 1 di semifinale al Mediolanum Forum, ha messo a referto 26 punti in 24 minuti, tirando con l’80% da due. Nella stagione in corso viaggia con 7.4 punti, 3.3 rimbalzi e 3.8 assist a partita con un utilizzo medio di 24 minuti.

Per Stefano la proroga del contratto segna ufficialmente il record personale di fedeltà nella stessa squadra: “Sono molto felice di continuare la mia avventura alla Dinamo e sono grato della fiducia che la società e lo staff mi hanno dato – commenta il numero 22 – “In Sardegna ho trovato più di un club: una famiglia di cui mi sento parte e un popolo, quello sardo, che sono orgoglioso di rappresentare. Non vedo l’ora di continuare a indossare questi colori per portarli in alto e raggiungere nuovi traguardi insieme”.

Foto e comunicato a cura di: Dinamo Banco Di Sardegna Sassari

Commenta
(Visited 41 times, 1 visits today)

About The Author

Massimo Furlani Nato a Trento nel 1998, laureato in Studi Internazionali e aspirante giornalista. Malato del basket tanto italiano quanto americano, Dwyane Wade e Steve Nash gli idoli.