Scafati supera Torino in una sorta di finale anticipata ed è la quarta semifinalista di Coppa Italia

 

 

CERVIA – Dopo Napoli, Udine e Tortona ecco Scafati. La Givova conquista con autorità e merito la vittoria per 84-76 contro la quotata Reale Mutua Torino in quella che si può sicuramente considerare una finale anticipata ed è la quarta semfinalista di Coppa Italia. Assi nella manica dei campani, autori di un’ottima prova corale, sono stati soprattutto Charles Thomas e l’ex Bergamo Derryl Jackson ma a incidere è stata anche la straordinaria propensione alle triple della squadra di Alessandro Finelli. Torino ci ha provato in tutti i modi sospinta dall’ottima vena di Cappelletti, Pinkins e Diop ma alla fine si è dovuta arrendere. Scafati è adesso attesa dalla semifinale contro la Apu Old Wild West Udine in programma sabato 3 aprile alle 20.30 dopo Ge.Vi Napoli- Bertram Tortona che si disputerà alle 18.

PRIMO QUARTO – La partita, per problemi legati al tabellone, comincia con un quarto d’ora di ritardo. Per problemi tecnici si procede all’installazione di un tabellone di fortuna. I piemontesi partono con Diop in panchina, sostituito da Giordano Pagani. Jackson prova a colpire dopo pochi secondi con un tiro da tre ma sbaglia. Pinkins fallisce dall’angolo sulla sirena. Palumbo si invola verso il canestro torinese ma subisce fallo da Clark e si va a fare un viaggio in lunetta. L’ex Fortitudo sblocca il risultato mandandone a segno uno su due. Pagani sbaglia la replica, Sergio da sottocanestro chiude nel modo migliore il pick and roll con Benvenuti e Scafati si alza sul 3-0. Una tripla di Pinkins ristabilisce la parità. Pagani lascia già spazio a Diop dopo due minuti di gioco. Alibegovic colpisce il vetro senza riuscire ad affondare la lama, l’ex Bergamo Jackson sforna un tiro da tre e Scafati si riprende il vantaggio: 6-3 al 3′. Diop, però, riceve da Clark e riavvicina i piemontesi. Diop si garantisce il 4-0 personale su assist di Cappelletti e Torino mette la freccia di sorpasso. Thomas, in penetrazione, riproietta avanti Scafati. L’avvio di gara è decisamente piacevole e non lascia spazio a respiri. Torino dimostra di non avere per caso il terzo migliore attacco del girone verde così come Scafati prova il perchè abbia il miglior attacco del rosso. Alibegovic ammaestra bene il tiro e con una tripla risospinge Torino a più due: 10-8 al 4′. Jackson fallisce una tripla, Cappelletti serve Pinkins e Torino è avanti di quattro lunghezze. Thomas sfodera una tripla d’autore e Scafati si porta a meno uno. Benvenuti fallisce il canestro del possibile scavalco, Cappelletti sbaglia la conclusione da tre su opposto versante. La partita viaggia su ritmi elevati consoni alla caratura dei due organici in campo. Thomas indovina la sua seconda conclusione da tre e Scafati si porta avanti per 14-12. Scafati sembra andare a nozze con le triple, Sergio ne regala ai campani un’altra e Scafati vola a più cinque (17-12) costringendo coach Demis Cavina a chiamare il timeout. Diop confeziona una tripla e Torino si riporta sotto. Thomas risponde subito e conquista anche il canestro aggiuntivo dopo avere subito fallo da Diop riuscendo a completare il gioco da tre. Diop elude l’anticipo di Thomas e risponde subito. A un minuto e mezzo dalla fine del primo quarto Scafati è avanti per 20-17. Campani potrebbe sancire la parità con una tripla ma non la manda a bersaglio. Musso sistema bene i piedi ma non manda a referto il suo tentativo da tre. Rossato commette fallo sull’ex di turno Bushati che ne mette uno su due. Thomas non profana il cesto, Cucci, però, allo scadere riprende bene la palla a spicchi e la infila nel canestro torinese. Scafati chiude così il primo quarto avanti per 22-18. Partita di grande equilibrio e intensità che, fin dalle sue prime battute, è stata un inno allo spettacolo.

SECONDO QUARTO – Campani stecca il canestro del riavvicinamento, Pinkins coglie il rimbalzo e subisce fallo. Va alla linea della carità e ne mette due su due avvicinando Torino a sole due lunghezze: 20-22. Alibegovic non manda a buon fine ancora una buona opportunità per ripristinare il pareggio, Marino, su opposto versante, affonda invece perfettamente la lama e Scafati si proietta sul più cinque. Benvenuti elude Bushati e cecchina ancora. Scafati fa prove tecniche di fuga con sette lunghezze di vantaggio. Toscano riceve da Diop e riduce le incollature di distacco di Torino. Benvenuti non riesce a capitalizzare un’intenzione di tripla. Cappelletti in penetrazione rimette in corsa la Reale Mutua. Scafati resta avanti per 30-24 dopo quattro minuti di ostilità. Alibegovic riceve da Toscano, Cappelletti sigla il temporaneo 5-0 torinese e si prende anche il libero aggiuntivo. Coach Finelli fiuta il ritorno dei piemontesi e chiama i suoi a raccolta per un conciliabolo. Si riparte da un solo punto di differenza tra le due compagini a favore dei campani, Cappelletti sbaglia l’aggiuntivo e fallisce il pareggio. Musso punisce l’errore del giocatore di Assisi con una tripla che eleva Scafati a più quattro. Cucci riporta la squadra gialloblù a più sei. Al 5-0 di Torino risponde quindi con altrettanta moneta Scafati. Marino commette fallo su Cappelletti che va in lunetta e li manda a segno entrambi. Scafati in vantaggio per 35-31 al 6′. Palumbo commette il secondo fallo personale su Diop che va a effettuare due tiri liberi e ne manda a bersaglio uno soltanto. Clark e Diop falliscono il tiro da tre punti che avrebbe potuto regalare il pareggio a Torino. Clark va in penetrazione e Torino si porta a meno uno sbloccando il suo score personale fino a quel momento immobile: 34-35. Finelli chiama il timeout. Fallo di Pinkins su Thomas, Torino è in bonus e il giocatore gialloblù finisce quindi in lunetta dove ne mette uno su due: 34-36. Clark porta Torino al pareggio, Thomas risponde subito risospingendo Scafati a un possesso di vantaggio. Pinkins fa mettere la freccia di sorpasso a Torino con una tripla, Benvenuti sulla sirena porta Scafati al controsorpasso. I campani vanno all’intervallo lungo avanti per 40-39 e con una partita tutta da gustare e all’insegna della massima incertezza nel suo esito finale. Torino vive soprattutto sulle fiammate di Diop con dieci punti, Scafati su quelle di Thomas con undici.

TERZO QUARTO – Clark riporta Torino avanti con la prima tripla della sua gara: 42-40 dopo una trentina di secondi. L’americano sembra avere il diavolo in corpo e va a guadagnarsi due tiri liberi. Ne piazza uno su due tanto quanto bastano ai piemontesi per conservare il vantaggio. Cappelletti inchioda e Torino, con un parziale di 5-0, si mantiene avanti di cinque lunghezze. Thomas cecchina per riavvicinare Scafati, Pinkins fallisce la tripla dell’ulteriore allungo. Jackson sforna la seconda tripla della gara e Scafati va a meno tre. Cappelletti ritraccia però il fossato e Torino si porta sul 51-45 a quasi metà quarto. Pinkins organizza la fuga di Torino sospingendola a più nove. E’ fischiato a Torino un antisportivo e Marino va in lunetta facendone due su due: Torino resta avanti per 53-47. Musso riporta in scia ulteriormente Scafati con una tripla ovvero a soli tre punti di ritardo. Dincic porta Scafati a meno uno e coach Cavina chiama il timeout. Toscano riporta Torino in mare aperto, Cucci risponde subito e Scafati è a meno due: 56-54 a tre minuti dalla conclusione del penultimo quarto. Penna scrive una tripla nel canestro scafatese e Torino si proietta a più cinque, ma Dincic rintuzza subito la fuga. La partita non riserva mezzo secondo di fiato, Jackson, in entrambi i casi su assist di Marino, piazza due triple di fila e riproietta Scafati in quota: 59-62. Cavina chiama il timeout di nuovo e poi si chiude il terzo quarto. Finale ancora tutto da scrivere.

ULTIMO QUARTO – Benvenuti incrementa il forziere scafatese e porta i campani a cinque lunghezze di vantaggio. E sempre lui cecchina con una tripla e Cavina è costretto a chiamare il timeout nuovamente, Scafati dimostra di avere le mani lucidate bene confezionando triple a ripetizione. Cappelletti ha la meglio su Marino e prova a tenere Torino in partita a meno sei. Palumbo risforna una tripla e la Givova entra in doppia cifra a più undici. I campani non accusano un minimo di stanchezza e flessione realizzativa mantenendo alta la temperatura delle percentuali. Clark commette fallo su Palumbo e lo manda in lunetta. L’ex Treviglio ottiene il massimo capitale e Scafati si issa sul più tredici, ma Torino risponde con una tripla di Pinkins al suo terzo bersaglio da tre. Musso, però, fa riallungare Scafati: 64-76. Clark sfodera la seconda tripla di fila e cerca di mantenere Torino in partita. Cappelletti sbaglia una prima tripla ma riprende la sfera e la manda a bersaglio: Reale Mutua a meno sei da Scafati. Finelli raduna i suoi in unità per effettuare alcuni aggiustamenti che consentano alla Givova di rimanere in quota. Cappelletti va in lunetta e ne fa due su due, Torino si rifà sotto. Marino fallisce una tripla che avrebbe potuto fare largheggiare Scafati, Diop commette un errore clamoroso sottocanestro ben imbeccato da Cappelletti. Jackson partorisce un’altra tripla dorata e Scafati si eleva di nuovo a più sette portando il suo score personale a diciannove punti. Pinkins realizza un libero e Torino è ancora in corsa a due minuti dal termine. Palumbo commette fallo su Diop, Scafati è in bonus e il giocatore senegalese beneficia quindi di due tiri liberi: ne fa due su due soltanto rete e la Reale Mutua si porta a sole tre incollature di svantaggio: 76-79. Fallo di Pinkins su Thomas che va in lunetta avendo tra le mani i tiri del possibile incartamento della vittoria di Scafati a 47” dalla fine: ne infila uno su due e Scafati mantiene il più cinque. Clark si invola in contropiede ma commette un errore assai ingenuo per uno della sua statura cestistica ovvero un doppio palleggio. A 23” dall’ultima sirena Torino manda in lunetta Jackson, l’ex Bergamo Basket ne fa due su due e Scafati si porta sull’82-76. Cavina chiama il timeout. A tre secondi dalla fine Thomas schiaccia e regala a Scafati definitivamente la semifinale portandola in trionfo per 84-76.

TABELLINO

REALE MUTUA TORINO: Cappelletti 18, Pinkins 17, Diop 12, Clark 11, Toscano 8, Alibegovic 6, Penna 3, Bushati 1, Pagani, Campani. Coach: Demis Cavina.

Tiri liberi: 12 su 20, rimbalzi 19 (Diop 8), assist 15 ( Cappelletti 8).

GIVOVA SCAFATI: Thomas 19, Jackson 17, Cucci 12, Musso 9, Benvenuti 7, Palumbo 6, Marino 5, Dincic 4, Sergio 3, Rossato 2. Coach: Alessandro Finelli.

Tiri liberi: 10 su 13, rimbalzi 40 (Cucci 11), assist 20 (Marino 9).

ARBITRI

Stefano Ursi di Livorno

Stefano Wassermann di Trieste

Alberto Perocco di Ponzano Veneto (TV)

Commenta
(Visited 16 times, 1 visits today)

About The Author

Cristiano Comelli Sono nato a Milano il 12 gennaio 1970 e mi occupo di giornalismo da circa vent'anni sia di cronaca sia di sport. Ho cominciato con il quotidiano locale "La Prealpina" scrivendo di calcio e ciclismo, poi, sempre per il calcio, ho avviato una collaborazione con il quotidiano "Il Giorno" che dura tuttora. MIisono poi avvicinato al mondo del basket attraverso le collaborazioni con alcune testate on line ed eccomi qua, pronto a vivere la magia del basket insieme con gli amici di Tuttobasket.