Stella Azzurra Viterbo brilla nel derby contro Civitavecchia

Si era detto che ogni derby con Civitavecchia riserva sempre emozioni e battaglia fino all’ultimo secondo e così è stato anche in questo ultimo confronto tra Stella Azzurra Viterbo e Cestistica. L’Ortoetruria schiera il suo solito quintetto con Meroi, il recuperato Reale assente nell’ultima gara, Rovere, Pebole e Price, mentre Di Maria si affida a Bezzi, Gianvincenzi, Hankerson, Zivkovic e Cittadini.
Nella Stella assente Baldelli infortunatosi in settimana in allenamento.
Meglio le difese che gli attacchi in una gara che inizia a ritmi molto elevati, ma con parecchi errori in fase realizzativa da entrambe le parti, con i biancostellati che però hanno le polveri totalmente bagnate mettendo all’attivo solo 4 punti contro i 14 avversari nell’intera prima frazione.
Dopo aver cambiato nel finale del quarto Frisari per Reale, Fanciullo inserisce Piazzolla e Casanova per Meroi e Rovere. La Stella aumenta i ritmi difensivi mentre Frisari, Piazzolla e Price riportano i padroni di casa sul -3, Civitavecchia reagisce però subito con Hankerson e Spada e riallunga mentre Rogani rileva Price. Altri 5 punti per i tirrenici ai quali Reale risponde fissando il punteggio a metà gara sul 36-28 per la Ste.Mar.
Al rientro alla bomba di Cittadini risponde quella di Meroi e si giocano 5 minuti ad alta intensità e con ottime percentuali da ambo i lati. Reale e Pebole da una parte e Bottone e Cittadini dall’altra realizzano bei canestri e la terza frazione vede ancora il team di De Maria avanti sul 59-52.
Ultimo quarto che si accende dalla prima palla giocata e si affaccia anche un po’ di tensione in campo. Su un tentativo di contropiede Meroi viene fermato con un antisportivo da Setkic e sul faccia a faccia successivo, tecnico ad entrambi che per Setkic vuol dire espulsione. L’Ortoetruria ora gioca con ordine e rapida circolazione della palla e dopo due realizzazioni di Pebole e Reale, Rovere mette all’angolo una mortifera tripla che vale il 62 pari.
I ragazzi di Fanciullo pressano su ogni pallone e Civitavecchia perde lucidità e va in difficoltà. L’Ortoetruria non sbaglia nulla, Price fa 2/2 dalla lunetta ed a seguire piazza un pregevole jumper che a 4’ dalla fine porta la Stella, con un parziale pesantissimo di 14-1, sul +10 (73-63). La gara sembra avviata per la strada giusta per i viterbesi, ma Hankerson tiene a galla Civitavecchia che non vuole arrendersi e si porta a -4 a 2’ dalla fine. Ultimi secondi ed al fallo sistematico degli ospiti rispondono Pebole e Reale che mettono la gara al sicuro, vanificando l’ultimo canestro del solito Hankerson e la realizzazione di Frisari che viene annullata perché arrivata oltre la sirena finale.
74 punti per i biancostellati in 30’ di gioco (22-26-22) ed un finale giocato con attenzione, intelligenza e soprattutto con il merito di averci creduto fino in fondo hanno riscattato un brutto primo quarto e sono state le armi vincenti per un’altra bella prestazione dell’Ortoetruria, attesa domenica nell’ultima gara della regular season sul parquet di Ostia contro l’Alfa Omega.
Tra i padroni di casa ancora un’altra prestazione di rilievo di Matthew Pebole; tra gli ospiti sugli scudi Cittadini ed Hankerson.
STELLA AZZURRA VT-ORTOETRURIA 78: Price 16, Frisari 3, Reale 22, Rogani 1, Navarra ne, Cecchini ne, Taurchini ne, Pebole 22, Meroi 6, Rovere 5, Piazzolla 3, Casanova; Coach: U. Fanciullo, Ass.te: J. Vitali
CIVITAVECCHIA 76: Setkic 1, Hankerson 28, Campogiani 2, Cittadini 23, Bezzi 3, Golubovic ne, Todorovic ne, Gianvincenzi, Zivkovic 5, Bottone, Bencini, Spada 5; Coach: F. De Maria, Ass.te: F. Monte
Parziali: 4-14/ 22-20/ 26-25/ 26-17
Rimbalzi: Cittadini 14, Price, Hankerson, Zivkovic 8
FONTE: Ufficio Stampa Stella Azzurra Viterbo
Commenta
(Visited 25 times, 1 visits today)

About The Author

Martino Ruggiero Nato a Taranto, trasferito a Roma tre anni fa per inseguire il mio sogno e per studiare Giurisprudenza, 21 anni. Seguo qualsiasi sport da quando sono nato. Per la pallacanestro ho fatto il giocatore, l'allenatore e il telecronista ma i tasti più consumati del mio telecomando sono quelli che mi portano al calcio. Amante delle storie sportive, da raccontare, da leggere e da ascoltare. Appassionato di viaggi, non conosco un stato d'animo diverso dall'ottimismo.