Stings Mantova, presentati Palermo e Morgillo

A poco più di una settimana dalla prima palla a due del campionato, la Staff Mantova prosegue la presentazione dei nuovi volti del suo roster. Nella cornice dell’azienda partner Novellini a Romanore (MN), la società ha dato parola al playmaker Matteo Palermo e al centro Alessandro Morgillo, il quale è arrivato a Mantova ad inizio settimana.

Alla conferenza stampa di presentazione hanno preso parte anche la presidente di Novellini Barbara Novellini e il general manager della Staff Gabriele Casalvieri.

Barbara Novellini: “La partnership con gli Stings è nata nel 2015. Ci siamo avvicinati alla società spinti dalla curiosità verso il mondo della pallacanestro e abbiamo imparato a conoscere i loro valori, i quali sono molto simili ai nostri. Da allora abbiamo sostenuto la squadra in modo importante e continuativo per permettere alla società di programmare i suoi obiettivi. Negli ultimi anni abbiamo fatto tanti sforzi, ma continuiamo a credere fermamente in questo progetto.

Non vediamo l’ora di tornare in campo e rivedere il pubblico senza mascherina e senza restrizioni. Speriamo che la città e le famiglie rispondano alla chiamata della società e di trovare una Grana Padano Arena sempre più calorosa”.

Gabriele Casalvieri: “Prima di tutto, ringrazio Novellini per l’ospitalità e per essere al nostro fianco anche quest’anno. Per quanto riguarda i giocatori, conosco Matteo da tanto tempo. È un play vecchia scuola che riesce ad alzare il livello della squadra grazie anche alla sua fisicità. In difesa è un’aggiunta preziosa per i cambi sistematici, è ideale per noi. Inoltre, è un giocatore molto duttile e abile nel playmaking.

Alessandro è arrivato perché avevamo bisogno di un giocatore che potesse darci una mano sotto le plance. Era sul mercato e abbiamo provato a rinforzare la squadra. È un giocatore molto atletico, presente a rimbalzo e in difesa, oltre ad essere in grado di ricoprire più ruoli.

Il precampionato? È una squadra completamente nuova, sapevamo che ci sarebbe stato bisogno di tempo, ma credo che abbiamo fatto passo in avanti rispetto alle prime amichevoli. Purtroppo, Matteo ha avuto qualche problema fisico, ma l’atteggiamento complessivo dei ragazzi è positivo, anche contro Rimini abbiamo visto dei progressi. Bisogna avere pazienza, c’è bisogno di lavoro per trovare la chimica giusta”.

Matteo Palermo: “Se devo essere onesto, l’infiammazione al tendine d’Achille mi dà ancora fastidio, stiamo cercando di risolvere la situazione col preparatore fisico e coi dottori. Vengo da un grave infortunio alla spalla e non vedo davvero l’ora di giocare con continuità.

Posso solo parlare bene di Mantova, ho avuto ottime referenze da tanti addetti ai lavori. È una città molto bella, mi sto trovando bene e mi sono subito ambientato. Si sta lavorando nella giusta direzione, i ragazzi stanno dando il 100% e ci sono progressi costanti.

Spero di poter stare bene fisicamente e di poter dare il mio contributo nelle prossime settimane. Ci aspetta un campionato tosto e competitivo, Udine e Forlì hanno ambizione e budget di altissimo livello, poi ci sono squadre interessanti che possono essere rivali dirette”.

Alessandro Morgillo: “Mi sto trovando molto bene coi compagni di squadra e con lo staff. Già nell’amichevole mi sono sentito parte del gruppo e importante all’interno del progetto tecnico.

Il mio obiettivo è dare una grande mano ai due lunghi cercando di dare più consigli possibili. Voglio ricavarmi uno spazio importante, cercherò di mettere un impatto fisico importante contro tanti avversari più esperti di me. Ci aspetta un campionato difficile, siamo inseriti in un girone molto equilibrato.

Credo l’obiettivo principale sia quello di creare un gruppo. È stato questo il segreto di Biella, la mia squadra della passata stagione. Siamo rimasti uniti nei momenti di difficoltà, anche dopo 10 sconfitte consecutive, e siamo riusciti a salvarci senza passare dai playout”.

Commenta
(Visited 27 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.