Taranto vince con un canestro sulla sirena e sfata il tabù trasferta

Botto di fine anno per il Cus Jonico Basket Taranto che per Natale si regala il ritorno alla vittoria fuori casa che mancava dalla prima giornata a Francavilla. Al Pala Vito Pinto di Mola i rossoblu hanno battuto per 88-86 la New Basket Mola alla fine di una gara difficile in cui i rossoblu si sono dovuti superare vincendo una vera e propria battaglia contro tutto e tutti. A decidere un match equilibrato e tiratissimo ci ha pensato un canestro di capitan Grosso negli ultimi secondi di gioco. Un canestro che vale doppio visto che timbra il terzo posto in solitario del Cus alla fine del girone d’andata in concomitanza della sconfitta di Lecce in casa con la capolista Monopoli.

Al solito Dusels top scorer con 27 punti si sono aggiunti un superlativo Di Diomede con ben 19 punti, Bricis non al meglio e limitato pure dai falli ha chiuso con 16, decisivi gli 11 di Pannella letale dalla distanza ma tutti hanno portato il loro mattone. Dall’altra parte Preite 26, Koopman 21.

Coach Olive parte ancora senza Bricis, in panchina, e con Salerno, Grosso, Di Diomede, Dusels e Longobardi in quintetto. Coach Castellitto in contumacia Teofilo sceglie De Angelis, Pacifico, Koopman, Mirone e Preite.

Di Diomede e Pacifico aprono le danze, poi Salerno e Mirone per il 4-4 a prefigurare l’equilibrio che ci sarà. Dopo i liberi di Dusels la tripla di Di Diomede firma il primo allungo ospite, 4-9. Mola reagisce con Koopman, Mirone e la tripla di Pacifico che ribalta il punteggio, 11-9. Lonbobardi impatta ancora a 11 mentre uno scatenato Di Diomede fa 5 punti di fila con tanto di schiacciata per il +5 Cus. Koopman con due canestri di fila accorcia, Dusels e Longobardi non bastano; la tripla dell’ex De Angelis vale il -1 di Mola che nel finale di quarto pareggia con Preite e, ancora di tripla chiude avanti 25-22 alla prima sirena.

Di Longobardi e Koopman i primi punti del secondo quarto seguiti da Preite e Dusels. Coach Olive attinge dalla panchina, c’è Bricis in campo ma anche Pannella, del tarantino la tripla del pareggio a 29. Dusels lo imita, altra tripla e sorpasso sul 31-32 ma Mola risponde al lettone con Preite e Mirone. Punteggio in pari, ancora, dopo i canestri di Dusels e Di Diomede da una parte, Koopman e Preite dall’altra. A rompere l’equilibrio la tripla di De Angelis, 44-43. Mola allunga col solito Koopman, +4. Nel momento del bisogno il Cus Jonico ritrova Bricis, il lettone si sblocca insaccando due triple consecutive che riportano i rossoblu in parità, 49-49. Ma l’ex De Angelis è particolarmente ispirato, fa 5 punti in fila e con Preite tiene davanti Mola. Così come nel primo quarto, anche prima dell’intervallo ci pensa Pannella dalla lunga distanza a tenere in scia Taranto, 55-54.

Bricis tiene la mano calda anche durante il riposo e apre il terzo quarto con la tripla del nuovo sorpasso cussino. Segna anche il +4 poi tocca al gemello Dusels completare il break di 9-0. Mola si scuote con la schiacciata di Mirone ma è ancora Bricis a colpire da tre quindi Di Diomede va a segno per il nuovo massimo vantaggio ospite, +12. Ed allora Mola si affida a Preite che quasi da solo restituisce al mittente il parziale con un 9-0 che riporta la New Basket a -3. La tripla di capitan Grosso è ossigeno per Taranto che però fa fatica ad arginare uno straripante Preite che ancora una volta si mette in proprio a pareggia nuovamente la partita sul 72-72. Finale di quarto, da tradizione, col canestro di Pannella a cui risponde la tripla di Stimolo che non schioda il punteggio dal pari assoluto, 76-76.

Dopo tre canestri in chiusura di quarto Pannella segna anche all’inizio del quarto più decisivo. Tripla pesante che Dusels e Bricis valorizzano infilando il +5 rossoblu a 6’ dalla fine. Mirone non ci sta e accorcia, Koopman riporta a -1 i suoi che operano il sorpasso con Stimolo, 84-83. Taranto vessata dai fischi contro perde Bricis per falli. Ci vuole tutta la tenacia di Dusels per superare l’empasse ma ancora Simolo tiene avanti Mola a 3’ dalla fine. Taranto spara a salve da lontano, Mola non fa meglio da sotto. La palla pesa anche per Dusels che fa 1/2 dalla lunetta e pareggia a quota 86 a un minuto dal termine. Sessanta secondi interminabili in cui si susseguono errori e time out dei due allenatori. Poi a far saltare il banco di pensa il tiro in fadeaway di capitan Grosso quasi allo scadere. C’è ancora tempo per un’azione da parte di Mola, la preghiera di Mirone non viene esaudita e Taranto può brindare alla grande il ritorno al successo fuori casa. Degna chiusura di un grande girone di andata e di un buonissimo 2019.

Ci si rivede nel 2020, il 5 gennaio al Palafiom contro Francavilla perchè il bello deve ancora venire. Intanto buon Natale e buon anno a tutti i tarantini, baskettari e non.

FONTE: Ufficio Stampa Cus Jonico Basket Taranto

Commenta
(Visited 39 times, 1 visits today)

About The Author

Martino Ruggiero Nato a Taranto, trasferito a Roma tre anni fa per inseguire il mio sogno e per studiare Giurisprudenza, 21 anni. Seguo qualsiasi sport da quando sono nato. Per la pallacanestro ho fatto il giocatore, l'allenatore e il telecronista ma i tasti più consumati del mio telecomando sono quelli che mi portano al calcio. Amante delle storie sportive, da raccontare, da leggere e da ascoltare. Appassionato di viaggi, non conosco un stato d'animo diverso dall'ottimismo.