Trento cade in casa contro Amburgo, Molin: "Approccio soft, perso l'inerzia a inizio quarto quarto"

Nell’ottava giornata del girone A di Eurocup cade ancora la Dolomiti Energia Trentino che resta così in fondo alla classifica del gruppo con un record 1-7. Alla BLM Group Arena sono infatti gli Hamburg Towers ad avere la meglio grazie ad una gran serata da oltre l’arco e un quarto quarto quasi perfetto.

Regna l’equilibrio nelle prime battute, Trento resta avanti praticamente per tutti i primi 10 minuti dopo il 5-0 finale ma gli ospiti restano in partita, passano in vantaggio proprio sulla sirena della frazione grazie a un contropiede di Justus Hollatz e tentano la fuga a inizio secondo periodo sul 18-25. Gli uomini di Molin restano in scia con Bradford e Forray, poi è Williams a salire in cattedra con tap-in e due recuperi in difesa che permettono ai padroni di casa di pareggiare a quota 36. Caleb Homesley però si conferma uno degli scorer più dotati della competizione inventandosi due triple spettacolari per l’immediato +6 dei suoi che resiste fino all’intervallo lungo sul 40-46.

Al rientro dagli spogliatoi Trento impatta prima e sorpassa poi sul 52-48 grazie a Reynolds e Caroline, ma un antisportivo fischiato a Saunders permette subito agli ospiti di pareggiare e tornare poi avanti sul +5 con una tripla di Jaylon Brown. Reynolds e Flaccadori rispondono e portano la Dolomiti Energia nuovamente avanti, poi è Forray a permettere ai suoi di toccare il +4 sul 70-66 con cui si entra nel quarto conclusivo. Il capitano di Trento realizza anche il +6, ma arrivano tre sanguinose palle perse consecutive dal palleggio che permettono ai tedeschi di pareggiare comodamente a quota 72. Homesley è un rebus per la difesa dei padroni di casa: canestro + fallo subito per il vantaggio ospite, ancora una persa di Flaccadori che costa il 74-77, la Dolomiti Energia rimette il naso avanti con i canestri di Bradford e Saunders, 80-80 quando iniziano i cinque minuti finali. Di Leo realizza il primo canestro del suo match per il vantaggio di Hamburg, Caroline dall’altra parte forza il tiro e sbaglia, fallo su Kotsar che in lunetta fa 1/2 ma prende il rimbalzo offensivo sul suo errore e trova Homesley che si inventa un’altra tripla incredibile per il pesantissimo +6. Flaccadori e Williams riportano Trento a -2 ma il finale è tutto dei tedeschi: canestro più fallo subito di Kotsar, due triple in fila di Brown, sul fallo in attacco di Williams e la schiacciata del +9 sempre di Brown partono i titoli di coda. Termina 90-99.

Di seguito i tabellini e le parole di coach Lele Molin a cura dell’Ufficio Stampa dell’ Aquila Basket:

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO: Bradford 7, Williams 13, Reynolds 16, Conti, Forray 11, Flaccadori 19, Saunders 11, Mezzanotte 4, Ladurner, Caroline 9. Coach Molin .

HAMBURG TOWERS: Brown J. 20, Brown Z. 1, Di Leo 2, Homesley 27, Rich ne, Meisner, Christen 2, McCallum 14, Kotsar 15, Hinrichs 2, Edigin 4, Hollatz 12. Coach Calles.

Le parole di coach Lele Molin: “Credo che Amburgo abbia meritato di vincere, perché ha giocato con più disciplina e attenzione, specialmente nei momenti decisivi della partita. Abbiamo avuto un approccio un po’ soft nel primo tempo, lasciando troppo spazio ai tiratori avversari sul perimetro: dopo l’intervallo abbiamo migliorato la nostra difesa ma abbiamo perso l’inerzia del match quando abbiamo perso tre palloni consecutivi all’inizio dell’ultimo quarto. Ora torniamo in palestra per preparare il match contro Varese e proseguire nel nostro percorso di crescita, che deve continuare sotto tutti i punti di vista: auguro un Buon Natale a tutti i nostri tifosi e ci vediamo al palazzetto il 26”.

Commenta
(Visited 29 times, 1 visits today)

About The Author

Massimo Furlani Nato a Trento nel 1998, laureato in Studi Internazionali e aspirante giornalista. Malato del basket tanto italiano quanto americano, Dwyane Wade e Steve Nash gli idoli.