Treviglio, ufficiale l'arrivo di Alessandro Cipolla dall'Urania Milano

La Gruppo Mascio Blu Basket 1971 comunica di aver raggiunto un accordo fino al termine della stagione con l’atleta Alessandro Cipolla, esterno di 199 centimetri, nato il 16 febbraio 2000 a Sesto San Giovanni (MI), proveniente dall’Urania Milano (Serie A2, Girone Verde). Il giocatore indosserà la canotta numero 27.

Alessandro Cipolla è un prodotto del settore giovanile dell’Aurora Desio, dove è stato prelevato dalla Pallacanestro Reggiana (società tuttora proprietaria del cartellino, con la quale il contratto è in scadenza a giugno 2023). Durante i quattro anni di permanenza delle giovanili biancorosse, esordisce nella massima serie all’età di 17 anni, collezionando complessivamente 3 presenze in A. La prima esperienza senior è nel 2020/2021 alla Stella Azzurra Roma (Serie A2) dove firma 14 presenze con 18’ e 4,0 punti di media, per poi chiudere la stagione a Cividale del Friuli (Serie B) dove disputa 18 gare realizzando 2,8 punti in 16’ di parquet. Nell’estate 2021 viene tesserato dall’Urania Milano: indossa la canotta dei Wildcats per 28 volte con 22’ di presenza in campo, 4,6 punti, 3,0 rimbalzi e 1,8 assist (38% da due, 30% da tre, 59% ai liberi). Nei due confronti diretti con la Gruppo Mascio, Cipolla ha giocato 20’ (2 punti nella vittoria biancoblù al PalaLido 69-90) e 19’ (4 punti nel successo milanese al PalaFacchetti 68-73). Ha vestito la maglia azzurra con Under 15, Under 16, Under 18 e Under 20, partecipando ai Campionati Europei U16 in Polonia (2016).

Nei campionati LNP (Serie B e Serie A2), Alessandro Cipolla ha disputato 60 gare (tra stagione regolare e playoff) segnando 234 punti (3,9 a incontro) tirando con il 36% da due, il 22% da tre, il 60% nei liberi, oltre a collezionare in media 2,5 rimbalzi, 1,4 assist e 3,2 di valutazione.

Foto e comunicato a cura di: Gruppo Mascio Treviglio

Commenta
(Visited 31 times, 1 visits today)

About The Author

Massimo Furlani Nato a Trento nel 1998, laureato in Studi Internazionali e aspirante giornalista. Malato del basket tanto italiano quanto americano, Dwyane Wade e Steve Nash gli idoli.