UFFICIALE, Matteo Santucci è dei Lions Bisceglie

Per le tabelle e i regolamenti resta ancora un under ma quel che conta è ciò che si dimostra sul parquet. Matteo Santucci lo sa benissimo ed è per questo che i Lions Bisceglie hanno puntato con decisione sull’esterno 22enne, che arricchisce l’organico nerazzurro sempre più definito in vista del prossimo campionato di Serie B.
Del resto, la guardia-ala scelta dalla dirigenza biscegliese ha già saputo mettersi in evidenza nel terzo livello cestistico nazionale con la canotta della Tiber Roma (13.9 punti di media nel torneo 2017-2018), al punto da meritare una chance in A2 con Jesi nell’annata successiva. Chiamato da Palestrina per dare il suo contributo a una stagione di vertice, Santucci ha giocato per il team siciliano di Torrenova nel 2019-2020, segnando 9.8 punti e facendo registrare 6 rimbalzi di media per gara in 27.6 minuti di utilizzo. Giocatore completo, in grado di ricoprire due ruoli e rendersi utile su entrambi i lati del campo, il nuovo innesto nerazzurro è anche un abile passatore (1.7 assist di media con Torrenova).
«Sono contentissimo di poter entrare a far parte di una piazza storica del basket italiano e pronto a dare il massimo per raggiungere gli obiettivi definiti per la prossima stagione» ha spiegato Matteo Santucci. «Non vedo l’ora di scendere in campo per ripagare la fiducia di coach Marinelli e di tutta la società. Saluto i tifosi biscegliesi, che so essere molto appassionati e numerosi e sono certo che non ci faranno mancare il loro sostegno».
L’ingaggio di Matteo Santucci porta per il momento a sei il numero di atleti ufficializzati dal club e a disposizione di coach Gigi Marinelli: oltre all’esterno, i riconfermati Andrea Chiriatti ed Edoardo Maresca e i nuovi innesti Fadilou Seck, Donato Vitale e Georgi Sirakov. La società è al lavoro per chiudere un roster in grado di togliersi delle soddisfazioni e all’altezza delle aspettative del pubblico biscegliese.
Commenta
(Visited 28 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.