Umana Reyer Venezia, è la notte dei record

Umana Reyer Venezia, in Gara 5 è record nei playoff di triple tentate (40) e tiri da 2 (19/26) con il 73.1%. Miglior prestazione personale nella serie per Daye con 20 punti

 

L’Umana Reyer Venezia vince Gara 5 e si qualifica per la Semifinale contro l’Olimpia Milano (per Venezia è la sesta semifinale consecutiva raggiunta). Dodici vittorie interne consecutive in campionato per la Reyer che non perde al Taliercio dal 6 Dicembre 2020 quando venne sconfitta dalla Dolomiti Energia Trentino per 71 a 79. In questa campionato solo Pesaro, Virtus Bologna e appunti Trento sono riuscite a vincere in casa dell’Umana che ha un bilancio interno di 14 vittorie in 17 gare. La Reyer ha dovuto affrontare la quarta gara decisiva consecutiva di una serie playoff ottenendo il quarto successo consecutivo.
Le 40 triple tentate dalla squadra di coach De Raffaele nella Gara 5 sono il nuovo record per una partita di playoff senza supplementari (in precedenza il record apparteneva alla Climamio Bologna).
19 su 26 da due punti valgono alla Reyer il 73.1%, nuovo record societario nei playoff e la miglior prestazione della stagione. In questa stagione solo Brindisi e Brescia hanno tirato meglio da due punti, rispettivamente il 76,7% e 74.4% entrambe contro la De’Longhi Treviso.
Miglior marcatore della Reyer è Austin Daye che con 20 punti e 22 di valutazione sceglie Gara 5 per la miglior prestazione personale nella serie contro il Banco di Sardegna Sassari.
Tonut chiude la serie con 15 punti in Gara 5 e con un totale di 73 punti nelle 5 gare (14.6 di media), miglior realizzatore per la Reyer.
Torna in doppia cifra Bruno Cerella, che realizza 10 punti in 12 minuti giocati. Non segna a 10 o più punti dalla gara di playoff del 27 Maggio 2016 sempre con la maglia di Venezia nella semifinale contro Milano.

FONTE: LBA

Commenta
(Visited 36 times, 1 visits today)

About The Author

Martino Ruggiero Nato a Taranto, trasferito a Roma tre anni fa per inseguire il mio sogno e per studiare Giurisprudenza, 21 anni. Seguo qualsiasi sport da quando sono nato. Per la pallacanestro ho fatto il giocatore, l'allenatore e il telecronista ma i tasti più consumati del mio telecomando sono quelli che mi portano al calcio. Amante delle storie sportive, da raccontare, da leggere e da ascoltare. Appassionato di viaggi, non conosco un stato d'animo diverso dall'ottimismo.