Una grande rimonta firmata Hackett e Shengelia permette alla Virtus Bologna di imporsi su Venezia

Virtus Segafredo Bologna vs Umana Reyer Venezia 81-77
(Q1 12 – 27; Q2 31 – 44; Q3 58 – 63)

Virtus Segafredo Bologna: Tessitori, Mannion, Pajola 10, Alibegovic, Ruzzier, Jaiteh 12, Shengelia 15, Hackett 16, Sampson, Weems 9, Teodosic 11, Cordinier 8
Coach: Scariolo

Umana Reyer Venezia: Stone 9, Bramos 11, Tonut 11, Daye 5, De Nicolao, Sanders 5, Mazzola 3, Brooks 2, Theodore 15, Chappell, Morena, Watt 15
Coach: De Raffaele

Arbitri: Attard, Bongiorni, Valzani

Il Campionato delle V Nere prosegue alla Segafredo Arena, ospite di giornata la Reyer Venezia di Coach De Raffaele in lotta per un posto nei Playoff Scudetto.
Primo quarto che vede protagonista la buona partenza dei lagunari, Watt sotto le plance lotta ben assistito da Theodore e Tonut, mentre la Virtus con Shengelia, al debutto in Campionato, e Weems, cerca di rimanere a contatto degli orogranata (10-19);  primi dieci minuti complicati per entrambe le squadre, dopo una partenza lanciata passando diversi minuti prima che si torni a segnare, succede tutto nell’ultimo minuto, Hackett risponde a Sanders, Brooks segna nel pitturato e Daye mette la tripla del -15, sirena e primo quarto che termina sul puntegggio di 12 a 27. Teodosic ci prova dall’arco a riemarginare lo svantaggio che ora tocca le 16 lunghezze di distanza (15-31), tripla di Stone seguita da un’altra soluzione dall’arco, questa volta da parte di Theodore. Hackett segna, Watt risponde, Teodosic da tre, Shengelia spalle a canestro infila in rete e Watt fa 0/2 ai liberi e Weems fa 3/3 dalla lunetta, segnali di ripresa da parte della Segafredo che non ci sta a subire questo pesante parziale a 3′ dall’intervallo lungo (25-39). Jaiteh è chirurgico in lunetta (2/2) e costringe la panchina veneziana a chiamare il time out, Theodore e Bramos piazzao il break prima che Jaiteh interrompa tutto segnando nel pitturato avversario, sirena e primi 20′ di gioco che terminano sul punteggio di 31 a 44. Tonut parte forte, risponde subito Teodosic seguito dal centro francese che riportano così la Segafredo a -10 dalla Reyer (39-49), tripla di Mazzola e tripla immediata di Hackett che per due volte dall’arco punisce gli avversari, ma Venezia è concentrata e punisce ogni piccola distrazione bianconera, contropiede avversario che trova il canestro e riporta sul +13 l’Umana (45-58). 2/2 di Cordinier, 1/2 di Jaiteh la Virtus penetra spesso in area mettendo in diffocoltà la difesa orogranata ma l’attacco veneziano punisce i padroni di casa tenendo a distanza la squadra di Coach Scariolo a 2′ dalla terza sirena  (50-63); ora la Virtus segna con constanza e non lascia segnare, Pajola trova due triple pesantissime che chiudono il terzo quarto sul punteggio di 58 a 63. Fa tutto Hackett che mette a segno quattro punti in rapida successione, Shengelia segna sotto le plance il canestro del primo vantaggio virtussino e poi stoppa l’attacco dei lagunari, il lungo Georgiano appoggia a canestro e il parziale di 8 a 0 fa cantare tutta la Segafredo Arena, vantaggio virtussino che rimette sui giusti binari la gara (66-63); Shengelia e Cordinier non danno respiro alla difesa dell’Umana che dal campo ora non segna più, dall’altro lato la Segafredo non si ferma e tocca il +8 merito anche di una super difesa bianconera che permette solo 2 punti a Tonut e compagni dopo 5′ dall’inizio dell’ultimo quarto. Sampson pesca Pajola in area che segna, Bramos risponde per tenere ancora vive le speranze di rimonta dei suoi, ma il play anconetano non lascia nessuna speranza agli avversari, Shengelia continua ad essere incontenibile sotto le plance, +8 Virtus a 2′ ancora da giocare (78-70). L’inerzia della gara rimane in mano alla squadra di Coach Scariolo: Venezia ci prova con le ultime energie ma la Segafredo non sbaglia dalla lunetta. Vince la Virtus, 81-77.

Sito Ufficiale Virtus Segafredo Bologna

Commenta
(Visited 38 times, 1 visits today)

About The Author