Vanoli Cremona, Sacchetti: "A Venezia voglio dai miei ragazzi lo stesso spirito del match con Milano"

Domani sera, per la Vanoli Cremona, si ripropone in campionato la sfida, ormai classica, al Taliercio con l’Umana Reyer Venezia. Sfida che lo scorso anno è valsa l’accesso alla finale scudetto. Meo Sacchetti nella consueta conferenza stampa settimanale con i giornalisti ha analizzato il momento della sua squadra e la prossima partita che aspetta i biancoblu.

Con Milano abbiamo sicuramente fatto un passo avanti che ci è servito per i due punti. La cosa importante era però far vedere un atteggiamento molto intenso in campo, diverso rispetto a quello delle prime partite, e ci siamo riusciti. Fuori casa sarà certamente più difficile ma vogliamo continuare su questa strada. Poi è logico che i valori delle squadre restano quelli che sono ma se la Vanoli mantiene questo atteggiamento è possibile provare a ribaltare questi valori.

Dobbiamo sempre giocare con questo spirito al di là del risultato finale. Questa è sicuramente la cosa più importante per noi.

Con Milano poi, l’altra nota positiva è che abbiamo avuto molto da tanti giocatori, tra i quali anche coloro che fino ad allora erano rimasti in campo un po’ meno. E’ merito loro aver approfittato dello spazio che hanno avuto per dimostrare le loro qualità.

In questi giorni è andata un po’ così, con Travis Diener che si è allenato solo per poco ieri e oggi lo teniamo fermo. Pensiamo di riuscire a riattivare Ruzzier dalla prossima settimana, ma, come ho già detto in altre occasioni, è nell’emergenza che si vede il valore generale di una squadra e soprattutto degli altri giocatori che devono riuscire a supplire alla mancanza di un loro compagno”.

Comunicato a cura di Ufficio Stampa Vanoli Basket Cremona.

Commenta
(Visited 57 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.