Sanford e Lamb determinanti, Pesaro batte una Varese rimaneggiata

Colpo esterno della Carpegna Prosciutto che espugna l’Enerxenia Arena, bissa il successo ottenuto all’andata e ferma la serie positiva di una Varese orfana di Keene e Ferrero.

L’avvio è tutto di marca pesarese con Moretti, Delfino e Jones che scrivono immediatamente 9-0 e Sanford che tocca già la doppia cifra di vantaggio. La risposta dell’Openjobmetis arriva con Beane e Reyes che realizza anche il -3, nel finale c’è però ancora spazio per un piccolo allungo degli ospiti con Lamb e dopo dieci minuti il tabellone recita 17-21.

Copione simile anche nel secondo periodo: l’ex di turno Tambone e Demetrio aumentano il margine della Carpegna Prosciutto sul +9, Varese si riavvicina fino al -2 con Vene e Beane, quindi nel finale è Sanford a ristabilire le distanze che rimangono invariate rispetto al primo quarto. Si va all’intervallo lungo sul 36-40.

Il tira e molla prosegue anche al rientro dagli spogliatoi, Pesaro prova una nuova fuga con Jones mentre Varese resta in scia con Beane, ma nel finale di quarto arriva un pesante parziale ospite di 11-0 targato Sanford-Lamb con il secondo che, grazie a una prodezza sulla sirena, fissa il punteggio sul 52-65 dopo mezzora di gioco.

Mejeris e Moretti aggiornano il massimo vantaggio di serata sul +16, De Nicolao e Sorokas non alzano bandiera bianca e riportano la Openjobmetis in singola cifra di distacco sul 67-76 a poco più di quattro minuti dalla fine. Magia di Woldetensae che ruba palla e da terra serve l’assist del -7 a Librizzi, la Carpegna Prosciutto però non perde lucidità e la chiude con una gran schiacciata di Jones, una tripla da lontanissimo di Delfino e due invenzioni di Sanford. Finisce 76-87.

TABELLINI

OPENJOBMETIS PALLACANESTRO VARESE: Beane 14, Woldetensae 10, Sorokas 11, De Nicolao 15, Vene 12, Reyes 9, Librizzi 2, Virginio ne, Caruso 3, Cane ne, Zhao ne. Coach Roijakkers.

CARPEGNA PROSCIUTTO BASKET PESARO: Mejeris 6, Moretti 8, Tambone 5, Stazzonelli ne, Lamb 19, Zanotti 4, Sanford 26, Demetrio 2, Delfino 7, Jones 10. Coach Banchi.

Commenta
(Visited 68 times, 1 visits today)

About The Author

Massimo Furlani Nato a Trento nel 1998, laureato in Studi Internazionali e aspirante giornalista. Malato del basket tanto italiano quanto americano, Dwyane Wade e Steve Nash gli idoli.