Vigor Matelica, sfida da non sottovalutare contro Todi

Proseguire la strada imboccata a Jesi. La Halley Matelica cerca continuità nel match casalingo di domani pomeriggio (palla a due ore 18) contro la E3Energy Todi. Partita da non prendere sotto gamba contro la matricola umbra, che ha tutta l’intenzione di recitare il ruolo di mina vagante in questo campionato con il suo mix di giocatori esperti e astri nascenti in rampa di lancio.

Il quintetto a disposizione di coach Leonardo Olivieri, in particolare, è di ottimo livello. Il play Alessandro Simoni è il generale in campo, ma le due bocche da fuoco principali sono sicuramente il grande ex di giornata Nicola Trastulli (17,2 punti a gara) e l’ala prodotto del vivaio della Poderosa Montegranaro Raffaele Marzullo (18,8 punti a sera). Un veteranissimo come Fabio Marcante porta esperienza e capacità di trovare il canestro in tanti modi, mentre in mezzo all’area sta ben figurando Dusan Raskovic, pivottone serbo classe 2001 arrivato dal vivaio di Varese per farsi le ossa e che sta imponendo tutta la sua fisicità. Dalla panchina, danno un contributo i già rodati Nicola Chinea e Salvatore Buondonno, ma stanno guadagnando spazio anche i giovanissimi esterni Konstantin Karapetrovic e Denis Badalau.

Squadra che gioca e lascia giocare (non a caso è terza peggior difesa del campionato a fronte del quinto attacco), servirà il lavoro difensivo visto sabato scorso al PalaTriccoli per evitare guai. Ad ogni modo, i biancorossi si presenteranno al completo e con una settimana di lavoro alle spalle andata via in maniera regolare: una rarità in questa prima parte di stagione, con la speranza che diventi la normalità da qui in avanti.

Biglietto d’ingresso unico a 5 euro con green pass obbligatorio. La gara sarà, come sempre, trasmessa sulla nostra pagina Facebook (https://www.facebook.com/halleyvigorbasket), aggiornamenti live sulla stessa e su Instagram (https://www.instagram.com/vigorbasketmatelica/).

Commenta
(Visited 46 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.