Virtus Bologna-Milano, Messina: "Sfida al livello più alto"

L’ultimo impegno assoluto del 2019 è la grande classica del basket italiano: l’Olimpia gioca a Bologna, per la prima volta all’interno della Fiera dove è stato costruito un impianto temporaneo, da circa 9.000 spettatori, sfida la prima della classe (12-2), reduce dal largo successo nel derby, e ci sono tanti altri motivi attorno alla gara, non ultime le implicazioni di classifica. La Virtus con una vittoria certificherebbe il primo posto al termine del girone di andata e il “seed” numero 1 nella Coppa Italia di Pesaro a febbraio. L’Olimpia con un successo arriverebbe a ridosso dei bianconeri in vista del girone di ritorno. L’Olimpia ha vinto le ultime 12 gare di campionato contro la Virtus, ma ha perso l’ultimo confronto, in Coppa Italia a Firenze un anno fa. Tra gli ex, oltre ai due allenatori anche Riccardo Moraschini, cresciuto nelle giovanili bianconere. Si gioca alle 15.30, con diretta su Rai 2.

L’OLIMPIA – Rientrata da Kaliningrad nella notte tra giovedì e venerdì, ha svolto un allenamento nella sua casa del Mediolanum Forum e sabato è partita per Bologna allenandosi sul campo di gara. Il nuovo arrivato Keifer Sykes è con la squadra, ma non è ancora stato tesserato. Assente per infortunio Nemanja Nedovic. Milano ha vinto le ultime cinque di campionato e otto delle ultime nove.

COACH ETTORE MESSINA – “Giochiamo contro una squadra che ha appena dominato il derby e vive uno stato di esaltazione, quindi ci aspetta una partita difficilissima. Loro hanno due grandi passatori e creatori di gioco come Markovic e Teodosic, sono meritatamente primi in classifica e ci proporranno una sfida al più alto livello possibile. Per quanto ci riguarda avremo bisogno di una buona transizione difensiva e cercheremo di controllare i rimbalzi per limitare il numero dei loro possessi”.

GLI ARBITRI – Michele Rossi, Carmelo Lo Guzzo, Manuel Mazzoni.

L’AVVERSARIO – La Virtus è prima in classifica e imbattuta in casa. Ha perso a Cremona e a Sassari in trasferta. Ha anche chiuso al primo posto il proprio girone di Eurocup. La stella della squadra è Milos Teodosic, che solo nell’ultimo turno è partito in quintetto, ma sta segnando 14.8 punti a partita in meno di 24 minuti sul parquet. Gioca di più l’altro nazionale serbo Stefan Markovic, 29.0 minuti: in coppia distribuiscono 12.6 assist a partita. La terza guardia è Frank Gaines, a Cantù l’anno passato, 11.2 punti di media. L’ala piccola titolare è Kyle Weems, che ha segnato 32 punti contro la Fortitudo, 30 anni, alla prima stagione in Italia dopo aver giocato a lungo in Germania, Francia e Turchia. Le ali forti sono Vince Hunter, arrivato dall’AEK Atene, quasi nove tiri a partita da due, 12.9 punti e 5.6 rimbalzi di media, e Giampaolo Ricci che è sempre partito in quintetto e attualmente è il giocatore della Virtus più preciso da tre, 40.0%. Il centro è Julian Gamble, 6.0 rimbalzi, 11.4 punti a partita. La Virtus ha un settimo straniero, l’argentino Marcos Delia, finora utilizzato per questioni di rotazione solo tre volte. La rotazione è completata dal playmaker Alessandro Pajola, dalla guardia David Cournooh e dall’ala forte Filippo Baldi Rossi.

LA VIRTUS CONNECTION – Riccardo Moraschini è un prodotto del settore giovanile della Virtus e con la Virtus Bologna ha debuttato in Serie A. Tra i suoi compagni di squadra nelle giovanili bianconere figurava il coetaneo Filippo Baldi Rossi. Nemanja Nedovic ha giocato per l’allenatore della Virtus, Aleksandar Djordjevic nella Nazionale serba che ha vinto l’argento a Rio de Janiero 2016: di quella squadra facevano parte sia Milos Teodosic che Stefan Markovic. Marcos Delia ha giocato i Mondiali 2019 nella nazionale argentina medaglia d’argento insieme a Louis Scola.

LA MESSINA CONNECTION – Ettore Messina ha allenato nelle giovanili della Virtus fin dalla stagione 1983/84 quando era anche assistente di Alberto Bucci e come tale vinse lo scudetto battendo in finale proprio l’Olimpia. E’ diventato capo allenatore nella stagione 1989/90 rimanendovi fino alla stagione 1992/93 compresa, salvo tornarvi nel 1997 e rimanervi ancora fino al 2002. In queste due parentesi ha vinto due volte l’EuroLeague (1998 e 2001), una volta la Coppa delle Coppe (1990), tre volte lo scudetto (1993, 1998 e 2001), tre volte la Coppa Italia.

LA DJORDJEVIC CONNECTION – L’allenatore della Virtus Bologna, Sasha Djordjevic, ha giocato a Milano nelle stagioni 1992/93 e 1993/94 vincendo una Coppa Korac. Djordjevic è poi tornato a Milano nella stagione 2004/05, l’ultima della carriera, quando l’Olimpia giocò la finale scudetto contro la Fortitudo Bologna. Djordjevic è tornato come allenatore nella stagione 2005/06, subentrando a Lino Lardo, e nella stagione 2006/07 in cui l’Olimpia arrivò alla semifinale scudetto perdendola proprio contro la Virtus Bologna. Da giocatore con il Partizan Belgrado eliminò l’Olimpia nella semifinale del 1992 a Istanbul e poi vinse il titolo europeo.

MICOV VERSO I 400 – Vlado Micov, che ha superato contro Reggio Emilia i 600 rimbalzi in carriera in Serie A, si trova a meno due dai 400 assist nel campionato italiano.

BROOKS VERSO I 900 – Jeff Brooks ha tagliato il traguardo dei 600 rimbalzi difensivi nel campionato italiano, e ora si trova a meno 15 dai 900 totali.

GUDA GUDA – Arturas Gudaitis è a tre punti di distanza dai 600 segnati nel campionato di Serie A, tutti in maglia Olimpia, ed è anche a 23 rimbalzi dai 400 in carriera.

Fonte: Ufficio Stampa Pallacanestro Olimpia Milano

Commenta
(Visited 88 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.