Virtus, Scariolo: "Ottima difesa e risposta eccezionale da parte dei giocatori rientrati"

Sergio Scariolo, coach della Virtus Bologna, è ovviamente soddisfatto dopo il nettissimo successo per 89-59 contro Valencia nell’ ottava giornata di Euroleague. Queste le sue parole dopo la sirena finale:

“Finalmente abbiamo giocato 40 minuti di buona pallacanestro su entrambi i lati del parquet. Naturalmente abbiamo avuto un paio di piccoli crolli, ma nel complesso è stata una partita dura e solida. Abbiamo condiviso la palla, abbiamo giocato una buona difesa, abbiamo pressato su tutti, siamo stati chiusi con ogni giocatore che era sul parquet. Dobbiamo continuare su questa strada e cercare di continuare a giocare come abbiamo fatto oggi.

Abbiamo giocato bene, soprattutto in difesa. Quando capiremo meglio i meccanismi di gioco, come tenere la concentrazione oltre alla comunicazione aumenteremo sia la fase difensiva che quella offensiva, aspetto che già è molto presente soprattutto individualmente: dobbiamo crescere ancora su alcuni aspetti per cui è fisiologico che sia necessario del tempo.

Ero curioso di vedere come sarebbero rientrati i giocatori impegnati con le nazionali, ma la risposta è stata eccezionale nonostante un po’ di stanchezza: si sono allenati con tanta intensità ieri e molta concentrazione stamattina. Sappiamo che in un giorno e mezzo, anche due, possiamo preparare una partita ed essere pronti.

I giocatori spagnoli? Li ho incontrati solo in campo, perché non amo troppo fraternizzare con gli altri giocatori quando bisogna affrontarsi in competizioni di club. Infatti, fare bene le cose quando gli altri le conoscono molto bene è un modo per crescere e avere consapevolezza: tra l’altro, spesso, i giocatori spagnoli giocano meglio in nazionale che in campionato.

Gli infortunati non torneranno prossima settimana ma è più una valutazione che faremo giorno per giorno”.

Commenta
(Visited 28 times, 1 visits today)

About The Author

Massimo Furlani Nato a Trento nel 1998, laureato in Studi Internazionali e aspirante giornalista. Malato del basket tanto italiano quanto americano, Dwyane Wade e Steve Nash gli idoli.