Scafati vendica con una prova imperiosa la sconfitta dell'andata contro Tortona

SCAFATI – Dopo cinque sconfitte, ecco il ritorno alla vittoria. La Givova Scafati vendica la sconfitta dell’andata contro la Bertram Tortona imponendosi con un disinvolto 89-69. Ottima prova corale del roster di Alessandro Finelli con Rossato e Jackson in grande spolvero. Tortona ha invece vissuto soprattutto delle intuizioni realizzative di Ambrosin, buon generatore di triple, Cannon e di un incontenibile Mascolo pagando però un Sanders e un Fabi un po’ in ombra.

PRIMO QUARTO – Scafati si alza in quota dopo una trentina di secondi con Musso. Fabi stecca la replica sottocanestro, Jackson allarga il fossato con una tripla ed è 5-0 dopo due minuti per i padroni di casa. Un reverse di Cannon fa mettere alla Bertram i primi due punti in cascina. Seconda tripla consecutiva dell’ex Bergamo Basket e Scafati si porta a più sei. Tortona molto imprecisa in avvio, Mascolo dall’angolo non affonda la lama. Coach Ramondino chiama il timeout vedendo Scafati in tentativo di fuga. Arresto e tiro di D’Ercole e Tortona riduce leggermente il divario: 10-4 a metà quarto. Mascolo, in reverse, riavvicina ulteriormente i piemontesi. Benvenuti si vede servire sul piatto d’argento da Thomas due punti in tapin, Scafati doppia così Tortona. Thomas si prende il canestro con la possibilità di completare il gioco da tre che sfrutta: 15-6 a quattro minuti dal tramonto del primo atto della gara. Cannon risponde subito. Palumbo mantiene Scafati a più sette in arresto e tiro. Rossato appoggia bene il canestro del più nove confermando la migliore vena realizzativa dei campani nel primo scorcio di contesa. Gazzotti, dall’angolo, replica con una tripla ma Cucci intona subito il controcanto: 21-13 a un minuto dal termine con Scafati in massimo vantaggio. Due tiri liberi riavvicinano gli ospiti, Marino, però, riporta subito Scafati in mare aperto con una tripla. Ambrosini, a fil di sirena, colpisce da sottocanestro e Scafati chiude il primo quarto avanti per 24-17. Scafati molto più precisa in fase di esecuzione, Tortona con le polveri un po’ bagnate.

SECONDO QUARTO – Ramondino prova a imbrigliare Scafati con la ragnatela della zona, Ambrosin trova il semaforo rosso del ferro, Sergio, su opposto versante, colpisce con una tripla: 27-17 al 2′. Ambrosin riceve da Mascolo e avvia la controreplica. Tavernelli riporta Tortona in scia ma Marino sfodera un’altra tripla , la seconda della sua serata. Ambrosin rimette i piemontesi a più nove andando a canestro e procurandosi il libero aggiuntivo che manda a bersaglio: 30-22 al 3′. Dincic ne fa due su due dalla linea della carità e riporta i padroni di casa a dieci incollature di vantaggio ma Tortona si rimette in marcia con una tripla di Mascolo. Scafati chiede il timeout. La partita continua tutto sommato a scorrere sui binari dell’equilibrio, pur se i campani continuano a mantenersi in quota la Bertram riesce a rintuzzare i loro tentativi di fuga. Ambrosin fotografa il momento favorevole di Tortona portandola a sole cinque lunghezze sotto: 32-27 a metà quarto andato in archivio. Fallo di Palumbo su Severini che va in gita in lunetta e capitalizza al cinquanta per cento con un bersaglio su due. Rossato, però, avvia subito la contromossa prendendosi un canestro e un libero aggiuntivo che capitalizza riportando la Givova a più sette: 35-28. Sanders, dalla linea della carità, non colpisce completamente facendone soltanto uno su due. La tripla di Jackson proietta Scafati in massimo vantaggio: 38-29 con Ramondino che chiama il timeout per riordinare le idee con i suoi. Scafati si conferma a suo agio con i tiri dall’arco con una tripla infilata da Rossato. I campani provano a dare stabilità al loro largo vantaggio. E’ sempre lui a recuperare una palla e a involarsi coast to coast appoggiando al canestro a due mani, Scafati in grande fiducia con un punteggio a favore di 43-29 a meno di tre minuti dall’intervallo lungo. Thomas ne appoggia altri due e i campani continuano a dilagare con una Tortona incapace di scuotersi. Cannon in reverse colpisce e si procura anche il libero aggiuntivo che mette a segno. Con un elegante terzo tempo Thomas port Scafati a più quattordici. All’intervallo lungo i padroni di casa comandano per 47-33 con un’ottima prova collettiva e vena realizzativa.

TERZO QUARTO – Schiacciata di Benvenuti che si procura anche un libero aggiuntivo realizzandolo: 50-33 dopo 25 secondi di gioco. Jackson, con una tripla, porta Scafati venti metri sopra gli ospiti. Tortona sembra in catalessi, Cannon prova a tenerla viva con un reverse. Palumbo recupera e va a schiacciare con facilità da ragazzini e Scafati si alza ancora a più ventidue.Reazione di Tortona con Sanders ed è il 57-37 a metà quarto. Scafati piazza altri due tiri liberi portando la sua impronta di vantaggio nuovamente a ventidue lunghezze. Tortona ci crede e Cannon appoggia in tapin un errore di Ambrosini. Mascolo sfodera una buona tripla dall’angolo, Cucci risponde subito guadagnandosi anche il libero aggiuntivo. Lo piazza e, a quattro minuti dal termine del penultimo quarto, Scafati è avanti per 62-41. Campani in persistente regolarità di prestazione, Tortona in realizzazione con il contagocce. Jackson si conferma mago delle triple dall’angolo garantendosi uno score di quindici punti. Thomas si prende un fallo tecnico per proteste in seguito a un fallo su Mascolo. Il tortonese piazza a bersaglio il libero del tecnico. Tortona prova ad alzare il muro difensivo per impedire a Scafati di incrementare il bottino e il discorso sembra dare i suoi frutti. Gazzotti appoggia da sottocanestro e Tortona si porta a meno sedici dimostrando di crederci. Una tripla di Cucci riporta Scafati in mare aperto: 68-49 a venti secondi dal termine del quarto. Benvenuti porta Scafati a chiudere il quarto avanti per 70-49.

ULTIMO QUARTO – Cucci cerca di affondare la lama ma Cannon lo stoppa. E’ proprio lui a portare Tortona a meno diciassette ma una tripla di Musso fa subito reagire i campani: 73-53 al 2′. Rossato ribadisce il concetto dei padroni di casa piazzando una tripla. Cannon sfodera un altro numero funambolico da sottocanestro ma Marino risponde immediatamente. Tortona prova a risalire la china ma Scafati le impedisce ogni volta di riavvicinarsi in modo consistente. Gazzotti recupera palla e va a realizzare con un gancio: 79-60 e Finelli chiama il timeout. Ambrosin infila due triple di fila provando a tenere in scia Tortona: 79-66 a metà quarto. Gazzotti stecca due tiri liberi. Marino termina la sua gara per quinto fallo. Ambrosin va in lunetta e ne infila uno su due. Cannon stoppa Cucci ma commette fallo mandandolo in lunetta: il cestista campano stecca però ambedue le esecuzioni. Tortona fallisce il possibile riavvicinamento in serie con Mascolo e Cannon che trovano il semaforo rosso del ferro. Cucci, da sottocanestro in penetrazione, porta Scafati a più quattordici: 81-67. Finelli chiama il timeout. Rossato, con due liberi, porta a sedici le lunghezze di vantaggio dei campani. Palumbo va a rifinire il punteggio di una gara le cui sorti sono ormai segnate. Thomas, da sottocanestro, ripristina il più venti: 87-67 a meno di un minuto dal termine della contesa. Sanders da sotto e in penetrazione si produce in uno dei pochi acuti della sua gara sottotono, Rossato in reverse chiude il discorso e Scafati la porta a casa per 89-69.

TABELLINO

GIVOVA SCAFATI: Rossato 17, Jackson 15, Cucci 12, Thomas 9, Benvenuti 9, Marino 9, Palumbo 8, Musso 5, Sergio 3, Dincic 2, Grimaldi. Coach. Alessandro Finelli.

Tiri liberi: 10 su 12, rimbalzi 40 (Palumbo 10), assist 21 (Thomas 5).

BERTRAM TORTONA: Ambrosin 19, Cannon 17, Mascolo 13, Gazzotti 9, Sanders 5, D’Ercole 4, Severini 1, Fabi 1, Tavernelli, Morgillo. Coach: Marco Ramondino.

Tiri liberi: 12 su 18, rimbalzi 32 (Cannon 9), assist 17 (Mascolo, Sanders, D’Ercole, Tavernelli 3).

ARBITRI

Andrea Masi di Firenze, Andrea Agostino Chersicla di Oggiono (LC) e Daniele Valleriani di Ferentino (FR).

Commenta
(Visited 13 times, 1 visits today)

About The Author

Cristiano Comelli Sono nato a Milano il 12 gennaio 1970 e mi occupo di giornalismo da circa vent'anni sia di cronaca sia di sport. Ho cominciato con il quotidiano locale "La Prealpina" scrivendo di calcio e ciclismo, poi, sempre per il calcio, ho avviato una collaborazione con il quotidiano "Il Giorno" che dura tuttora. MIisono poi avvicinato al mondo del basket attraverso le collaborazioni con alcune testate on line ed eccomi qua, pronto a vivere la magia del basket insieme con gli amici di Tuttobasket.