Cantù piega Scafati al termine di una sfida ad altissima intensità e conquista la finale di Coppa Italia

GIVOVA SCAFATI- ACQUA SAN BERNARDO CANTU’ 76-82

 

ROSETO DEGLI ABRUZZI –  Dopo avere mandato a casa Verona, si è sbarazzata anche di Scafati. L’Acqua San Bernardo Cantù, con una prova di grande spessore e con la capacità di crederci fino in fondo, guadagna la finale di “Coppa Italia” imponendosi per 82-76 sui campani. La partita ha regalato forti emozioni come ci si attendeva. Cantù ha potuto contare soprattutto sulle sontuose prestazioni di Bucarelli e Da Ros ma alla fine l’elogio deve essere esteso all’intero collettivo con un Allen come al solito in grande spolvero e un Bryant che, un po’ sottotono nei primi due quarti, ha poi ritrovato lo smalto giusto. Scafati ha avuto i suoi punti di forza in Monaldi, Rossato e Cucci. Cantù-Udine si preannuncia quindi come una finale di grande incertezza tra due squadre che hanno dimostrato piena salute.

 

PRIMO QUARTO – Scafati ha eliminato Casale con una prova d’autorità, Cantù ha messo le mani su un match con Verona tiratissimo. Assente, nel roster della città del mobile, l’ex di turno e capitano Luigi Sergio ai box per infortunio. Quintetto iniziale Scafati: Cucci, Daniel, Clark, Monaldi, Ikangi.  Quintetto iniziale Cantù: Bryant, Allen, Da Ros, Bayehe, Severini.  Saltano Bayehe e Daniel, Cantù al primo possesso offensivo. Daniel porta Scafati avanti dopo un minuto. Da Ros tenta la soluzione dall’arco sbagliando, riprende Bayehe  ribadisce a canestro: 2-2 dopo un minuto e mezzo. Scafati si riporta avanti con l’ex Ge.Vi Napoli Monaldi ma risponde Allen con una tripla per il primo vantaggio canturino sul 5-4. Grande intensità fin dall’inizio come era lecito attendersi. Ancora Allen prova a organizzare la prima minifuga canturina a più tre. Daniel riavvicina i campani. Monaldi in penetrazione riporta avanti Scafati sul più uno. Nuovo sussulto canturino con Bayehe, si gioca punto a punto con le due compagini certamente in vena di precisione in fase realizzativa. Doppia tripla dell’ex San Severo Clarke e Scafati va in controsorpasso: 14-9 a metà quarto. Da Ros mostra di essere ancora in  buona confidenza con le triple e riporta Cantù a meno due. L’ex Verona Severini, dall’angolo, la pareggia a quota quattordici. Ottima performance delle due compagini nella fase iniziale della gara. Scafati, però, si rialza subito in quota di un possesso, Bryant serve Bayehe che inchioda il nuovo pareggio a quota sedici a due minuti dal termine del primo quarto. La partita non tradisce le attese e ha il vestito di una sorta di finale anticipata data la caratura delle due squadre. L’ex Atlante Eurobasket Bucarelli va in lunetta e ne mette due su due riportando l’Acqua San Bernardo avanti di due lunghezze: 16-18 a un minuto dal termine del quarto. De Laurentiis subisce fallo da Da Ros e va in lunetta dove facendone uno su due. Il primo quarto termina con Cantù avanti per 18-17. Partita molto tirata.

 

SECONDO QUARTO – Monaldi riporta avanti Scafati di un possesso. Ancora lui in penetrazione porta a nove punti il suo score e Scafati a più quattro guadagnandosi anche il libero aggiuntivo. L’ex Ge.Vi non completa però il gioco da tre.  Nikolic risponde subito, 22-20 per i campani dopo due minuti di gioco. L’ex Rieti Stefanelli, con una tripla, riporta Cantù avanti di una lunghezza. L’ex Tortona Ambrosin, dalla lunetta, con due su due rimette Scafati avanti.  Sodini chiama il timeout sul 24-23 per i campani. La partita continua a viaggiare sui binari dell’equilibrio senza avere un dominus assoluto. Monaldi mette un’altra tripla confermando la sua serata di grazia e Scafati vola a più quattro. Cusin subisce il fallo dell’ex Latina Raucci e guadagna due tiri liberi e ne mette uno su due. Ikangi sbaglia un semigancio e Bucarelli, in penetrazione, riporta Cantù a meno uno: 27-26 e il coach della Givova Rossi chiama il timeout. Daniel, da sotto, rimette Scafati sul più tre. Rossato, con due su due dalla linea della carità, sigla i punti del più quattro: 31-26 a tre minuti e mezzo dall’intervallo lungo. Stefanelli, a sua volta, va in lunetta con tre tiri liberi piazzandone a canestro due e riportando sotto l’Acqua San Bernardo. Scafati si rifà subito con una tripla di Ikangi che la porta a sei incollature di vantaggio.  Allen ne piazza due dalla lunetta e riporta i canturini in scia. Tripla di Cucci e Scafati si proietta sul vantaggio massimo di più sette, Stefanelli risponde con una tripla portando il suo score personale a otto punti.  Ikangi riporta Scafati a più sette, 40-33 a un minuto dall’intervallo lungo. Bayehe, in girata, riporta Cantù a meno cinque. Fallo di Bayehe su Cucci che va in lunetta e manda due liberi a bersaglio. Nikolic, con una tripla, rimette Cantù a meno quattro. All’intervallo lungo i campani sono avanti per 42-38 ma la partita è ancora in bilico. Scafati finora in netta superiorità sui rimbalzi offensivi e anche in questo sta la chiave del suo momentaneo vantaggio.

TERZO QUARTO – Bryant si sblocca dal torpore realizzativo mettendo a segno i primi due punti della sua gara: 42-40 dopo trenta secondi. Tripla di Cucci e Scafati torna in mare aperto sul più cinque. I brianzoli cercano di ritornare in contatto ma i gialloblù non si lasciano avvicinare. Monaldi proietta Scafati addirittura a più otto con una tripla. Clarke, con un’altra tripla, mette i campani in doppia cifra sul 51-40. Le triple si rivelano essere in questa partita il valore aggiunto della Givova. Da Ros prova a fare respirare Cantù con un canestro da posizione difficile e si ripete dopo pochi secondi: 51-44 al 4’ e Cantù prova a riprenderla. Bryant si prende canestro e libero aggiuntivo completando il gioco da tre. Rossato fa riallungare Scafati e la panchina di Cantù si innervosisce prendendosi un tecnico. Rossato trasforma il relativo tiro libero e Scafati è avanti per 52-46. Allen sbaglia il possibile riavvicinamento,  Rossato sgancia un’altra tripla e sale a più otto costringendo coach Sodini a chiamare il timeout. Brianzoli in difficoltà di fronte alla prorompente azione offensiva dei campani. Da Ros, alla ripresa, riavvicina i canturini. Daniel porta a sei punti il suo score personale e Scafati riallunga: 56-49 a tre minuti e mezzo dalla fine del terzo quarto. Bryant porta Cantù di nuovo in scia. Sul 59-51 per i campani coach Rossi chiama il timeout. Stefanelli prova a riaccostare i canturini dalla lunetta. Bryant rimette in discussione la partita, Scafati sembra avere scaricato un po’ le pile dell’offensiva. Tripla di Da Ros e Cantù è in parità a quota  59. Bryant subisce fallo e va in lunetta e ne mette uno su due riportando Cantù sopra. Da Ros subisce fallo e va anch’egli in lunetta e ne piazza due su due con Cantù a più tre. Rossato, però, in contropiede, rimette Scafati a meno uno. Il terzo quarto finisce con i brianzoli avanti per 62-61. Scafati ha dilapidato tutto il suo vantaggio, Cantù brava a crederci.

 

ULTIMO QUARTO – Cucci, con un gioco da tre, si porta a undici punti e rimette Scafati avanti di un possesso: 64-62. Nikolic, da sotto, ristabilisce la parità. Rossato si conferma in ottima vena piazzando una tripla che riproietta i campani in quota. Si continua a giocare punto a punto con le due squadre in notevole tensione realizzativa. Nikolic va in penetrazione e Cantù ripiomba a meno uno: 67-66 a sei minuti dal termine. Bucarelli porta l’Acqua San Bernardo al sorpasso di un punto, partita incerta fino al termine. Una tripla di Allen spinge i brianzoli a più quattro: 67-71 a metà quarto e coach Rossi chiama il timeout. Scafati si rimette in corsa a un solo possesso di distacco, reverse di Cusin e Cantù ritorna a più quattro. Da Ros spinge Cantù a più sei facendole ipotecare la finale. Clarke commette fallo su Bucarelli che va in lunetta e ne mette due su due per il 69-77 canturino. Rossato subisce fallo da Allen e va alla linea della carità piazzandone due su due. Scafati a meno sei. Allen con un libero sigla il 78-71 brianzolo. Scafati tenta di riavvicinarsi portandosi sul meno quattro. Fallo di Rossato su Bryant che va in lunetta ed esegue il compitino a dovere mandando Cantù sull’80-74. Rossato incappa nella quinta infrazione e deve abbandonare il parquet. Due liberi a segno anche per Bucarelli, Rossi chiama il timeout. Cantù si impone per 82-76 e va in finale con Udine. Scafati si conferma comunque una squadra di ottima levatura ed esce di scena con pieno onore.

 

 

 

 

 

TABELLINO

 

GIVOVA SCAFATI: Monaldi 18, Cucci 13, Rossato 13, Clarke 11,Ikangi 8, Daniel 6, Ambrosin 6, De Laurentiis 1, Raucci, Parravicini. Coach: Alessandro Rossi.

 

ACQUA SAN BERNARDO CANTU’:  Da Ros 17, Allen 13, Bucarelli 12, Bryant 11,Stefanelli 9, Bayehe 8, Nikolic 7, Cusin 3, Severini 2, Boev. Coach: Marco Sodini.

 

ARBITRI

 

Stefano Ursi di Livorno, Valerio Salustri di Roma e Alessandro Costa di Livorno.

Commenta
(Visited 67 times, 1 visits today)

About The Author

Cristiano Comelli Sono nato a Milano il 12 gennaio 1970 e mi occupo di giornalismo da circa vent'anni sia di cronaca sia di sport. Ho cominciato con il quotidiano locale "La Prealpina" scrivendo di calcio e ciclismo, poi, sempre per il calcio, ho avviato una collaborazione con il quotidiano "Il Giorno" che dura tuttora. MIisono poi avvicinato al mondo del basket attraverso le collaborazioni con alcune testate on line ed eccomi qua, pronto a vivere la magia del basket insieme con gli amici di Tuttobasket.