L’OraSì Ravenna torna da San Severo con una bella vittoria

L’OraSì coglie a San Severo la quinta vittoria esterna della stagione al termine di una gara molto intensa ed equilibrata. Al “Pala Falcone e Borsellino” finisce 83-81 per i giallorossi, che resistono al bombardamento dei padroni di casa nel primo quarto, poi alzano l’intensità in difesa, trovano buone soluzioni in attacco e restano vigili nel finale. Per Ravenna 26 punti (con 7 rimbalzi) per Samme Givens, 15 per Rebec, 14 per Oxilia.

La partita
OraSì in campo con Rebec, Denegri, Oxilia, Givens, Simioni. San Severo con Clarke, Contento, Ogide, Bottioni, Mortellaro. Inizio vivace con le due squadre precise al tiro e San Severo che si porta sul 17-10. L’OraSì con due accelerate di Rebec e la tripla di Oxilia torna sotto, poi sorpassa con Cinciarini e Venuto (20-21). Il finale di quarto è favorevole ai neri che tirano con il 57% dall’arco e chiudono avanti 28-23.
Il secondo parziale si apre con una buona difesa OraSì che si tramuta in due punti di Simioni, poi Ogide e Clarke per il massimo vantaggio San Severo (37-27). Ravenna risponde con un parziale di 0-7 aperto e chiuso da Oxilia e si riporta a contatto (37-34). Ancora un allungo per i padroni di casa e ancora una buona risposta giallorossa, con 7 punti consecutivi di Givens per il -1 all’intervallo (44-43).

Sorpasso OraSì con la tripla di Rebec, a cui risponde Ogide prima del nuovo vantaggio firmato Givens (47-51). Dopo due quarti a punteggio alto si segna poco, la difesa giallorossa sale d’intensità e la tripla di Venuto vale il 49-56. San Severo torna ad accendersi nel finale di parziale con le conclusioni da fuori di Ogide e Antelli che fissano il risultato sul 62-63.
Ultimi dieci minuti di grande intensità, la gara vive di sorpassi e controsorpassi e si decide sui dettagli. L’OraSì prova a prendere un po’ di vantaggio e con Rebec e Givens allunga 69-76 a 4 minuti e 30 dalla fine. Due punti di Bottioni e una tripla di puro talento di Clarke riportano a -2 San Severo. Si resta sul 76-78 fino all’ultimo minuto, quando Cinciarini in entrata mette il +4. Gli ultimi possessi portano al fallo sistematico San Severo, l’OraSì ha bisogno di tre viaggi in lunetta per chiudere la partita. Finisce 81-83, una vittoria di grande valore per Ravenna.

Il commento
Coach Massimo Cancellieri: “Mi è piaciuto quanto abbiamo fatto in difesa a partire dal secondo quarto, concedendo 16 punti e tenendo San Severo sotto i 20 anche negli ultimi due parziali. Contavo sul fatto che la squadra avesse più energia di loro, che erano reduci da una gara dispendiosa con Napoli, ma in realtà San Severo ha fatto una partita gagliarda, riuscendo a trovare tanti protagonisti. La gara si è decisa sugli episodi, che questa volta ci hanno premiato perché i miei giocatori hanno fatto la cosa giusta, che fosse una difesa, una rimessa o un passaggio e hanno dato in questo prova di maturità. Vorrei sottolineare la prova sui due lati del campo di Givens, che abbiamo coinvolto tante volte spalle a canestro e ci ha dato fiducia e punti quando ne avevamo bisogno. Mi dispiace che molti non vedano la sua grande utilità anche quando segna poco, Samme è un giocatore totale, capace di giocare tutti i ruoli e di fare la differenza in tutte le partite”.

Il tabellino
Allianz Pazienza Cestistica San Severo-OraSì Ravenna 81-83 (28-23, 44-43, 62-63)
San Severo: Mortellaro 4, Clarke 16, Bottioni 10, Contento 25, Ogide 18, Angelucci 3, Antelli 3, Maganza 2, Di Donato NE, Petrushevski NE, Ikangi NE, Guida NE. All.: Panizza. Assistente: Piersante.
OraSì Ravenna: Rebec 15, Cinciarini 9, Chiumenti 2, Denegri 1, Givens 26, Venuto 7, Maspero, Oxilia 14, Simioni 9, Buscaroli NE, Guidi NE, Vavoli NE All.: Cancellieri. Assistenti: Savignani, Taccetti.

Commenta
(Visited 20 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.