Pallacanestro Cantù, Bucchi: "Questa vittoria dimostra che non abbiamo mai smesso di lottare"

Si chiude con una vittoria la stagione della Pallacanestro Cantù che batte Sassari 106-101 retrocedendo a testa alta in Serie A2.

Coach Piero Bucchi ha commentato la vittoria con un po’ di rammarico per come è finita la stagione: «Si può parlare di tutto: di demeriti e di sconfitte, ma questa vittoria dimostra che il gruppo ha sempre provato a lottare nel corso dell’anno. Si chiude una stagione dura e impensabile. Alcuni fattori esterni hanno inevitabilmente influenzato i risultati. Il covid ha colpito in maniera differente nei modi e nei tempi. E il “quando” è stata la variabile decisiva: alcune società sono state più fortunate, mentre altre hanno pagato un caro prezzo. Credo che Cantù, affrontando due volte questo “tsunami”, abbia subito un danno notevole, e chi l’ha vissuta dal dentro può capire realmente questa doppia batosta. Non sono soltanto le due volte ma sono anche i momenti in cui ci ha colpito il covid ad aver fatto la differenza».

«So già che qualcuno penserà che sono solito a ripetermi o forse ritiene che queste siano tutte scuse, ma no. Non sono scuse. Sono parole dettate dalla grande rabbia e dalla frustrazione di non aver avuto modo di gestire l’ultima parte della stagione come avrei e come avremmo voluto fare. Dopo la vittoria con Cremona ero sicuro della salvezza. Soprattutto per come stavamo lavorando in palestra».

«Rivolgo un saluto ai tifosi. Capisco la loro amarezza ma garantisco che è anche la mia. Ci è mancato molto non averli al palazzo perché sono sicuro che avrebbero aiutato la squadra e in particolare i ragazzi più giovani» ha chiuso Bucchi

Commenta
(Visited 61 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.