Reggio Emilia batte 91-79 Pesaro nel posticipo. Caja: "Indirizzata la partita come volevamo"

La 24° Giornata del campionato di Serie A si è chiusa nella serata di ieri con il successo della Pallacanestro Reggiana ai danni della Victoria Libertas Pesaro. Alla Unipol Arena finisce 91-79 per i ragazzi di coach Caja, che partono forte (25-16 al 10′), per poi amministrare il vantaggio per il resto della sfida, toccando un massimo vantaggio di +23 (62-39) quando mancavano 5’33” alla fine del terzo periodo. Sei i giocatori in doppia cifra negli emiliani, tra i quali spicca Brandon Taylor (21+4 assist); Carlos Delfino (14+5 rimbalzi) è stato invece il migliore negli ospiti.

Così coach Attilio Caja a fine match: “In sede di presentazione avevo detto che questi ragazzi stavano lavorando con grande applicazione. Oggi (ieri ndr) abbiamo raccolto dei buoni frutti, siamo stati molto attenti, focalizzandoci sui nostri obiettivi. Contro una squadra che ha grandi tiratori siamo riusciti ad indirizzare la partita nel modo giusto. Abbiamo rischiato qualcosa con i loro lunghi, e Cain ne ha approfittato. D’altra parte siamo riusciti, con gli esterni, a difendere bene sul perimetro. Partendo dalla difesa abbiamo trovato un buon ritmo in attacco, muovendo la palla e trovando sempre l’uomo giusto. La volontà di fare un bel risultato non è mancata“.

Per Pesaro, invece, ai microfoni si è presentato il Presidente Ario Costa: “Abbiamo sofferto sotto tanti aspetti, non è stata una bella partita ma queste sono le gare che ci attendono fino alla fine dato che tutte le squadre ora più che mai hanno un obiettivo. La nota positiva è il rientro di Massenat, da sabato saremo al completo: stasera (ieri ndr) è stato un match difficile, dato che Reggio Emilia si giocava una parte importante del campionato e ha dato tutto quello che aveva. Dobbiamo guardarci alle spalle e prima di tutto pensare in ottica salvezza“.

Commenta
(Visited 10 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.