Serie A, Pesaro-Trento. Repesa: "Forzato troppo da tre". Brienza: "Felice per la vittoria"

Alla Vitrifrigo Arena di Pesaro, in uno dei due anticipi della 4° Giornata di Serie A 2020/21, l’Aquila Basket Trento ha ottenuto il primo successo in campionato dopo tre ko di fila. La compagine trentina ha battuto la Vuelle per 57-71. Di seguito, le dichiarazioni dei due allenatori nella conferenza stampa post partita.

È stata la peggior partita da quando alleno questa squadra” – taglia corto Jasmin Repesa – “La fisicità e l’atletismo di Trento non ci hanno permesso di giocare bene, la vittoria è tutta merito loro. I miei ragazzi hanno lottato fino alla fine, anche se sono un po’ arrabbiato per il fatto che abbiamo commesso errori banali su alcuni aspetti su cui avevamo posto la nostra attenzione nel corso della settimana. Abbiamo commesso dei falli stupidi quando eravamo in bonus e abbiamo forzato eccessivamente con i tiri da tre“.

Sono molto contento della vittoria di oggi, ovviamente perché è la prima in campionato e poi perché era così che avevamo preparato la gara. Come a Nanterre sapevamo che ci sarebbe servito un grande sforzo fisico e mentale in difesa e siamo stati bravi a farlo: sono stati eccellenti i nostri esterni sugli uno contro uno di Pesaro, sono stati altrettanto bravi i nostri lunghi a limitare le ricezioni di Cain in post“, spiega Nicola Brienza.

Abbiamo sbagliato qualche buon tiro nel primo tempo, che avrebbe potuto darci un po’ di margine in più, ma in generale,, anche nei momenti di difficoltà, in attacco siamo stati bravi a tenere sempre ad alto ritmo e ad alta intensità la nostra difesa, aspetto su cui siamo cresciuti molto rispetto a qualche settimana fa” – ha continuato il coach di Trento – “Ora ci aspetta un doppio impegno di fronte al nostro pubblico, siamo contenti di poter tornare a giocare in casa e vogliamo continuare a crescere e migliorare“.

Commenta
(Visited 35 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.