Virtus Roma, Bucchi: "Non sarà un'annata facile"

È finalmente iniziata ufficialmente la stagione 2019-20 della Virtus Roma che si è ritrovata oggi pomeriggio (ieri ndr) presso il Centro Tellene di Spinaceto per il primo allenamento dell’anno.

Dopo aver effettuato i test medici nella giornata di ieri (venerdì ndr), infatti, la squadra è scesa in campo oggi (ieri ndr) alle ore 18:00 per effettuare una seduta a base atletica coordinata dal preparatore atletico Fabrizio Santolamazza, sotto gli occhi di coach Piero Bucchi e del suo vice Daniele Michelutti.

Le sensazioni proprio di coach Bucchi sul primo giorno di lavoro: «È sempre emozionante ritrovarsi con i ragazzi e iniziare una nuova avventura, con l’entusiasmo tipico del primo giorno di scuola con la voglia di conoscersi e di iniziare a lavorare anche davanti a i tifosi che ci sono venuti a trovare. Iniziamo con grande fiducia, con grande ardore per disputare una stagione che sia la più divertente possibile, consapevoli che non sarà facile visto la formula delle due retrocessioni su diciassette partecipanti. Abbiamo un roster con tanti ragazzi esordienti e due giocatori più esperti che forniscono il giusto mix per affrontare la stagione».

La squadra inizierà domani (oggi ndr) il lavoro a pieno regime alternando le sedute di preparazione atletica a quelle relative la pallacanestro.

 AMOЯOMATIFOVIRTUS: Partirà lunedì 12 agosto alle ore 10:00 la prima fase di vendita della campagna abbonamenti per la prossima stagione, riservata agli abbonati dello scorso anno che potranno accedere a prelazione sul posto e scontistica riservata fino al 31 agosto. Dal 1 settembre vendita libera. Sul nostro sito tutte le info con l’elenco dei punti vendita su Roma.

Comunicato a cura di Ufficio Stampa Virtus Roma.

Commenta
(Visited 67 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.