Cestistica Ostuni corsara ad Altamura

La Libertas Altamura costretta a capitolare avanti al proprio pubblico contro un Ostuni che ha disputato una gara dai due volti. Nella prima parte del match i gialloblu sembrano non essere usciti dagli spogliatoi, Altamura gioca quasi perfetto, tirando con il 50% dal campo con un 5/10 dalla lunga distanza facendo riaffiorare nei brindisini lo spettro della gara di Monteroni. Ostuni deve rinunciare alla presenza di Latella influenzato e Coco Romano è costretto a convocare Capitan Tanzarella non ancora pronto al rientro dopo l’infortunio. Al fischio d’inizio Altamura parte subito con grande aggressività e con il duo Spampinato – Castoro si portano sul 21 – 9, mentre Ostuni con Leo e Caloia cerca di tenersi agganciato alla gara andando al termine del primo mini tempo distante di 5 lunghezze dai murgiani ( 21 – 16 ).

Nei secondi dieci minuti di gara Ostuni continua a soffrire l’aggressività dei padroni di casa che mantengono anche una importante intensità difensiva, i murgiani continuano saldamente a mantenere le redini di gioco con Ostuni costretto ad inseguire costantemente permettendo così a Castoro e compagni di portarsi nuovamente in doppia cifra, e la palla che Radovic strappa dalle mani del play gialloblu è l’emblema che Ostuni è completamente in preda al dominio dei padroni di casa che vanno al riposo lungo sul 38 – 26.

La strigliata di Coco Romano ai propri ragazzi da l’effetto sperato, Ostuni si ripresenta sul rettangolo di gioco completamente trasformato, i gialloblu al fischio d’inizio della ripresa delle ostilità mostrano da subito un mordente diverso e tanta voglia di rimontare il – 12 dagli altamurani. Lillo Leo sale in cattedra ed infila 8 punti consecutivi suonando la carica per la propria squadra. Altamura accusa il colpo e non sembra in grado di reagire e nelle diciotto conclusioni a canestro riescono a portarsi a punti solo due volte anche perché Ostuni stringe abbastanza bene le marcature in difesa ed i lunghi gialloblù Walker-Caloia iniziano a dettare legge sotto canestro permettendo cosi agli ospiti ostunesi di passare in vantaggio al 27’ su 42 – 43. Il terzo mini tempo si chiude con un parziale 4 – 20 a dimostrazione che Ostuni nei 10’ minuti del terzo periodo ha giocato con un ottima difesa, tanta aggressività e principalmente con tanto orgoglio per recuperare lo svantaggio accumulato nella prima parte di gara. L’ultimo periodo di gioco riserva al numeroso pubblico presente parecchi colpi di scena, le due squadre si danno battaglia ma nessuna delle due riesce a scappare definitivamente, Ostuni mostra nei momenti decisivi grande freddezza ed il fallo sistematico su Lillo Leo si rivela inefficace per i murgiani che purtroppo pagano a caro prezzo la freddezza e precisione dell’ostunese nei tiri liberi che mette

la sua firma finale sul match in terra altamurana. Ostuni porta a casa una meritata vittoria ( 65 – 69 ) con il grande merito di aver avuto una reazione importante dopo una prima parte di gara abbastanza negativa su un campo e contro un avversario che sicuramente in tanti avranno difficoltà ad affrontarlo fra le mura amiche. Un plauso a Lillo Leo per la sua stupenda prestazione e per aver preso la responsabilità di dare una scossa ai propri compagni guidandoli ad una importante vittoria e chiudendo la propria prestazione con 26 punti, 7 rimbalzi, 15 su 19 dalla lunetta e 10 falli subiti.

Archiviata la prima vittoria in trasferta, ora si guarda già alla prossima gara interna contro Mola che attualmente occupa l’ultimo posto in classifica con 2 punti insieme a Castellaneta e Monteroni, ma questo non deve trarre in inganno, bisognerà affrontare il match con la grinta e la determinazione dimostrata nel secondo periodo di gara contro Altamura per continuare a dare un segnale a se stessi e al campionato.

Commenta
(Visited 24 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.