Scafati imbattibile al PalaMangano. Forlì s'inchina per 97-68

Vince e convince la Givova Scafati, che fa suo in maniera perentoria anche il match casalingo contro l’Unieuro Forlì valevole per la ventesima giornata del campionato di serie A2 (girone rosso). Con un sonoro 97-68, la compagine dell’Agro ha fatto un solo boccone del team romagnolo, giunto in terra campana con due indisponibili di lusso: l’ex Benvenuti e il neo acquisto Lucas, il primo per un problema fisico, il secondo per problemi di tesseramento. Ne ha saputo approfittare al meglio la truppa di patron Longobardi che ha messo in scena una gara intensa, accorta, fatta di concentrazione, difesa aggressiva ed attacco fluido. Alla fine della gara sono stati in cinque a chiudere in doppia cifra e dieci su dodici sono stati gli atleti iscritti a referto ad essere andati a punti, a riprova dell’ottimo momento di forma che stanno attraversando i ragazzi di coach Rossi, che hanno vinto la lotta sotto i tabelloni (40 rimbalzi contro 31) e tirato dal campo con percentuali migliori (53,8% contro 37,1%).

LA PARTITA

Un ispirato Monaldi è la torcia che illumina il cammino dei padroni di casa nei primi minuti di un incontro, che entra subito nel vivo (7-5 al 3’). Il primo vantaggio forlivese arriva al 4’, grazie al veterano Giachetti (7-10), che sfrutta la buona difesa a zona chiesta da coach Dell’Agnello per tentare un timido allungo, che viene però prontamente rintuzzato da Cucci e soci (14-14 al 6’). I due allenatori iniziano a dare spazio agli uomini della panchina, bravi a tenere vibrante e divertente la contesa, che la Givova prova a tenere saldamente in mano (21-16 all’8’), riuscendo a chiudere avanti 23-19 la prima frazione.

I canestri di Raucci e Ambrosin fanno volare Scafati sul +8 (27-19 al 12’), prima che l’ex Palumbo e Giachetti riducessero le distanze drasticamente, facendo leva su una accorta difesa a zona (27-24 al 13’). Giocando in attacco con lucidità e facendo cose semplici, i padroni di casa riescono a bucare la difesa ospite ed allungano nuovamente 32-25 al 14’. Per i successivi 3’ nessuno dei due quintetti va a punti.  Poi sono di nuovo i padroni di casa (bene Monaldi) a fare la voce grossa, allungando fino alla doppia cifra di vantaggio (43-32 al 20’), ampliata nelle ultime azioni che precedono l’intervallo lungo (47-34).

Ikangi e Monaldi allargano sin da subito la forbice del divario (54-37 al 22’). Il playmaker ex Napoli è il faro in campo, va a canestro da solo, detta assist e ritmi, consentendo ai suoi di volare sul +20 al 24’ (59-39). La risposta viaggiante è nelle mani di Bolpin, tra i protagonisti del parziale di 0-8 che rimette in carreggiata i romagnoli (59-47 al 26’). De Laurentiis e Rossato sono invece i protagonisti del contro-parziale di 5-0, che consente ai padroni di casa di conservare un buon margine di vantaggio (64-47 al 27’), poi nuovamente assottigliato nelle ultime battute di gioco del terzo quarto (68-55).

Nei primi minuti dell’ultima frazione, Clarke, Rossato e compagni decidono di spezzare in due la sfida e di mettere anzitempo kappaò l’avversario, siglando un importante + 25 (80-55 al 33’). Trascorrono i minuti, ma il vantaggio dei gialloblù resta copioso, grazie ad una oculata gestione dei possessi e ad una difesa sempre attenta e lucida (85-57 al 35’). Gli ultimi minuti servono solo per le statistiche e per gli applausi scroscianti del numeroso pubblico presente sugli spalti del PalaMangano. Finale: Givova Scafati 97 – Unieuro Forlì 68.

LE DICHIARAZIONI

Coach Alessandro Rossi: «Dovevamo ricaricare le energie fisiche e mentali dopo la partita contro San Severo e la squadra è stata lucida e brava nel farlo. Contro Forlì abbiamo avuto un approccio alla partita meno di impatto, ma giocavamo contro una squadra molto forte, al di là delle importanti assenze, ed abbiamo fatto fatica a prendere il ritmo partita. Siamo stati molto bravi a tenere costante nell’arco della sfida il nostro livello di intensità e di velocità di gioco, sia in attacco che in difesa. Abbiamo avuto pochi cali degni di nota, tranne quello più evidente del terzo quarto, in cui abbiamo beccato un parziale di 8-0. Siamo stati bravi anche a correggere in corso d’opera le cose che non stavano funzionando. Anche la percentuale di tiri da tre punti alla fine si è rivelata buona, soprattutto per la scelta delle soluzioni adottate. Faccio grandi complimenti ai ragazzi per la concentrazione, l’atteggiamento e lo sforzo profuso nelle cinque partite ravvicinate nel tempo. Abbiamo fatto una partita offensiva nei nostri standard, ma dobbiamo essere più bravi ad avere un briciolo di pazienza in più in attacco, perché spesso ci lasciamo prendere dalla nostra energia. In compenso, mi è piaciuta quella voglia di cercare di dare sempre filo da torcere alla fisicità di Forlì».

I TABELLINI

GIVOVA SCAFATI – UNIEURO FORLI’ 97-68

GIVOVA SCAFATI: Daniel 17, Grimaldi, Perrino, Parravicini 2, De Laurentiis 5, Ambrosin 11, Clarke 13, Rossato 14, Raucci 4, Monaldi 17, Cucci 7, Ikangi 7. Allenatore: Rossi Alessandro. Assistente Allenatore: Nanni Francesco.

UNIEURO FORLI’: Rush 4, Giachetti 10, Natali 9, Palumbo 13, Bolpin 18, Zambianchi 3, Bandini, Ndour 2, Benvenuti n. e., Bruttini 2, Pullazi 7. Allenatore: Dell’Agnello Sandro. Assistenti Allenatori: Luise Sergio, Ruggeri Paolo.

ARBITRI: Nuara Salvatore di Treviso, Longobucco Andrea di Ciampino (Rm), Mottola Christian di Taranto.

NOTE: Parziali: 23-19; 24-15; 23-21; 27-13. Falli: Scafati 20; Forlì 20. Usciti per cinque falli: Parravicini. Espulsi: nessuno. Tiri dal campo: Scafati 35/65 (53,8%); Forlì 23/62 (37,1%). Tiri da due: Scafati 24/35 (68,6%); Forlì 16/38 (42,1%). Tiri da tre: Scafati 11/30 (36,7%); Forlì 7/24 (29,2%). Tiri liberi: Scafati 16/18 (88,9%); Forlì 15/17 (88,2%). Rimbalzi: Scafati 40 (12 off.; 28 dif.); Forlì 31 (11 off.; 20 dif.). Assist: Scafati 21; Forlì 14. Palle perse: Scafati 15; Forlì 14. Palle recuperate: Scafati 5; Forlì 9. Stoppate: Scafati 1; Forlì 0. Spettatori: 1.200 circa.


Comunicato, dichiarazioni e tabellini a cura di Antonio Pollioso, Ufficio Stampa Basket Scafati 1969.

Commenta
(Visited 54 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.