EuroCup, la Virtus Bologna fa en plein. Andorra ko 92-81

E sono 10 su 10. La Virtus Bologna completa un cammino immacolato nel Girone C di EuroCup 2020/21, battendo alla Virtus Segafredo Arena gli spagnoli del Morabanc Andorra per 92-81, nel recupero dell’ottavo turno.

LA PARTITA – Turno di riposo per Teodosic, mentre Coach Djordjevic schiera il quintetto formato da Markovic, Adams, Weems, Ricci e Gamble. Tripla di Adams e due punti per Gamble, inaugurano l’ultima sfida di questa regular season europea, 5-0 Segafredo. Andorra pareggia i conti e conquista il primo vantaggio della gara, Weems sotto le plance trova il canestro del 7-6. Primo periodo di gioco che vede le due squadre concretizzare i loro giochi in attacco, con Andorra che si riporta nuovamente in vantaggio, 11-13 Morabanc dopo 6′ dalla palla a due. Weems, Alibegovic e Pajola riportano le V Nere avanti con il punteggio. Adams regola la formazione avversaria con la tripla che chiude il primo quarto sul parziale di 23 a 19.

Due triple di Adams, una grazie ad un assist di pregio di Pajola, portano la formazione di Coach Djordjevic sul +6 (29-23). 3/3 ai liberi di Gielo, Abass subisce fallo antisportivo, dalla lunetta fa 1/2, 30 a 26 e time out chiamato dalla panchina bianconera. Andorra prova a rimanere a contatto, ma Adams e Weems trovano le giuste soluzioni in attacco, e riportano avanti la Segafredo a 6′ dall’intervallo lungo. Time out Andorra, 35 a 31 Virtus. Weems chiude il gioco da tre, Jelinek risponde appoggiando al ferro e Gielo trova la tripla dall’arco, Andorra a -4 e time out chiamato da Coach Djordjevic. Schiacciata di Alibegovic su assist di Markovic, Jelinek trova il tiro oltre l’arco, segna ma non concretizza il bonus a disposizione. Adams risponde con un’altra tripla e Weems segna appoggiando al ferro. Sirena di metà tempo, 49 a 47 il punteggio all’intervallo.

Terzo quarto che inizia con Adams e Weems scatenati, 8 a 2 di break per le V Nere. Tessitori appoggia la sfera al vetro, portando così le V Nere sul +10. (59 a 49). Ancora il pivot della Nazionale, che corregge in rete il tentativo dall’arco di Ricci. Andorra si riporta sul -6, ma l’asse Markovic-Weems regala giocate d’alta scuola, 63 a 56 il punteggio dopo 5′ dall’inizio del terzo periodo di gioco. Passaggio Coast to Coast di Markovic per Alibegovic, che può solo insaccare nella retina. Canestro di Jovet che segna anche il tiro aggiuntivo e porta così a -5 i suoi compagni. Hunter segna e concretizza il bonus, ma la squadra di Coach Navarro rimane a contatto dei bianconeri. 2/2 di Abass, la difesa virtussina chiude tutti i varchi e regge l’urto degli attacchi Andorrani. 72 a 65 Virtus ad 1′ dalla fine del terzo quarto. Tripla di Adams, tripla di Hannah e sirena di fine quarto che suona sul parziale di 75 a 69 per Bologna.

Adams inaugura l’ultimo quarto di gioco trovando la tripla dalla lunghissima distanza, conquista il fallo e segna il libero aggiuntivo. Abass penetra in area, si gira e segna. La formazione Andorrana prova a rientrare in partita, penetra in area e conquista i liberi che gli permettono di rientrare a – 7. Coach Djordjevic chiama il time out a 4′ dalla fine. Parziale di  85 – 78. C’è tempo anche per la standing ovation per Adams e finisce 92-81. La Segafredo chiude imbattuta il proprio girono di EuroCup.

 

VIRTUS BOLOGNA – MORABANC ANDORRA 92-81

PARZIALI: 23-19; 26-28; 26-22; 17-12.
PROGRESSIVI: 23-19; 49-47; 75-69; 92-81.

VIRTUS BOLOGNA: Tessitori 15, Deri, Abass 5, Pajola 3, Alibegovic 7, Markovic 2 (11 assist), Ricci 2, Adams 33, Hunter 5, Weems 18, Gamble 2. All. Sasa Djordjevic.
MORABANC ANDORRA: Pauli 5, Sy 4, Olumuyiwa 9, Llovet 8, Hannah 9, Gielo 10, Garcia 9, Colom 4, Jelinek 21, Pons 2. All. Ibon Navarro.
Arbitri: Gkontas, Zamojski, Vyklicky.

 

Cronaca a cura di Ufficio Stampa Virtus Segafredo Bologna.

Commenta
(Visited 21 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.