7DAYS EuroCup, la Virtus Bologna cede il passo all'Olimpia Lubiana (74-86)

Virtus Segafredo Bologna vs Cedevita Olimpija Ljubljana 74-86
(Q1 24 – 31; Q2 44 – 51; Q3 58 – 68)

Virtus Segafredo Bologna: Cordinier 5, Tessitori 3, Jaiteh 11, Sampson 9, Hackett, Weems 11, Teodosic 9, Mannion 3, Pajola 6, Alibegovic 3, Ruzzier, Shengelia 14
Coach: Diana

Cedevita Olimpija Ljubljana: Dragic 11, Habot, Ferrel 11, Blazic 18, Hodzic, Omic 2, Pullen 20, Muric 14, Auguste 9, Sucka, Radovanovic 1
Coach: Golemac

Arbitri: CARLOS JUAN GARCIA, AMIT BALAK, HUSEYIN CELIK.

Dopo la vittoria nel derby la Virtus riprende il suo cammino in EuroCup affrontando alla Segafredo Arena la squadra slovena del Cedevita Olimpija Ljubljana. Recuperato Pajola dopo lo stop per Covid, le V nere devono fare a meno, oltre che di Coach Scariolo anche lui per Covid, anche di Hervey per un lieve riacutizzarsi del problema al ginocchio. Partenza lanciata degli avversari che provano subito a distanziare Hackett e compagni, Weems su assist di Teodosic accorcia le distanze portando Bologna sul -5 (9-14) dopo 5′ di gara. Serata di esordio anche per Shengelia che si presenta ai suoi nuovi tifosi segnando subito da tre, Teodosic segna, Dragic risponde, Shegelia vince il rimbalzo e scarica per il play serbo che dall’arco infila il -2 (19-21) a 2′ scarsi dalla prima sirena, altro break del Cedevita questa volta fermato dalla tripla di Pajola, Blazic penetra in area e appoggia al tabellone l’ultimo canestro dei primi 10′ di quarto, punteggio di 24 a 31.

Nel secondo quarto Ljubljana tocca il +10 sfruttando le conclusioni dall’arco di Pullen (26-36), qualche decisione arbitrale che non trova d’accordo il pubblico virtussino scalda l’arena e il clima, la Virtus fatica a tornare a contatto dei propri avversari, Ferrell è chirurgico dai 6 e 75 e la Segafredo ora è costretta ad inseguire Blazic e compagni, 29 a 44 a meno di 5′ dall’intervallo lungo. Shengelia e Teodosic lottano, segnano e provano 0ra a caricarsi la squadra sulle spalle, l’ultima penetrazione del 44 bianconero trova i due punti che valgono il -10 (37 – 47) e l’interruzione del gioco da parte della panchina ospite; 2/2 di Muric dalla lunetta, risposta di Jaiteh sotto canestro che permette  alla Virtus di pareggiare il parziale del quarto (20-20), primo tempo che termina sul punteggio di 44 a 51.

Shengelia segna e stoppa tutto quello che passa in area, il centro francese trova altri due punti ma Blazic fa 2/2 ai liberi, tripla di Muric e rispota sempre di Jaiteh sotto le plance per il -9 a meno di 5′ dalla terza sirena (50-59). Sampson chiude il gioco da tre punti, tripla di Cordinier che però trova la risposta immediata di Augueste, altri due punti per Sampson ma da tre, questa sera, Ljubljana è scatenata e di tabella trova l’ultimo canestro sulla sirena, 58 a 68.

Cordinier si presenta in lunetta e fa 2/2, Pullen risponde in penetrazione e segna, ultimo quarto teso, con le squadre che faticano a chiudere i loro giochi in attacco, Shengelia segna ma Blazic risponde poco dopo obbligando la Seagafredo a chiedere il time out a 6′ e 23” dalla fine, punteggio di 62 a 73 Ljubljana. Gli avversari ora spingono sull’accelleratore, piazzano il break che vale il nuovo -15, tripla di Pajola, rimbalzo di Jaiteh in difesa, partita ancora aperta a 3′ dalla fine. Cedevita però non molla di un centimetro mentre dall’altra parte la Segafredo è scarica e sulle gambe. Dragic e Pullen in penetrazione ridanno il nuovo vantaggio in doppia cifra per gli sloveni, che portano a casa i due punti. Finisce 74-86.

Comunicato e tabellini a cura di Ufficio Stampa Virtus Segafredo Bologna.

Commenta
(Visited 44 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.