La Fortitudo Agrigento in casa per la storia

La Fortitudo Agrigento si gioca la promozione in Serie A2 in casa al Palamoncada mercoledì 22 giugno alle 20:30 contro la Real Sebastiani Rieti, davanti al suo pubblico e tutta la città di Agrigento e provincia che sta seguendo tutto il cammino nei playoff della squadra di coach Catalani. In realtà, seguendo i commenti sui social, sono tantissimi i tifosi di tutta Italia che sostengono gli agrigentini, abituati a stare in A2 ed autoretrocessi due anni fa dopo l’arrivo della pandemia. Questa finale segna una rivincita per tanti motivi, quella persa contro Chiusi un anno fa, per onorare nel migliore dei modi la scomparsa del patron Salvatore Moncada e riportare la società in alto grazie al presidente, il figlio Gabriele, ridare alla città di Agrigento una squadra di prestigio in uno dei massimi campionati e, per concludere, vincere anche per il capitano Albano Chiarastella che purtroppo salterà anche la finale per infortunio.

Sarà presente con la squadra pronto ad incitarli e sostenerli fino alla fine, ognuno di loro avrà una responsabilità maggiore ed un compito ancora più arduo. Agrigento e Rieti stanno in perfetta parità, due partite vinte ad Agrigento e due a Rieti in match molto combattuti ed entrambe le squadre che hanno approfittato del fattore campo, quello che potrebbe aiutare Agrigento nella finalissima. Il biglietto per l’ingresso costa 5 euro ed è possibile comprarlo online, domani il botteghino aprirà alle ore 18. Dentro o fuori, tutto o niente, la Fortitudo domani avrà l’occasione per scrivere una pagina importante della sua storia, la prima dopo due anni di pandemia e con un pubblico così numeroso e la prima volta con una finale giocata in casa.
Commenta
(Visited 107 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.