La nuova americana di casa Use Scotti Rosa Empoli è Kamiah Smalls

Arriva dalla James Madison University di Harrisonburg in Virginia, la nuova guardia americana di casa Scotti. Si tratta di Kamiah Smalls, classe 1998, nata e cresciuta a Filadelfia dove ha mosso i primi passi su un campo da basket. “C’era un campo proprio dietro l’angolo da casa mia da cui non riuscivo a stare lontano”, ha dichiarato Smalls in un’intervista e questa sua grande passione l’ha portata a giocare nella sua prima squadra, quella del ‘Neumann Goretti’ High School. Durante gli anni del liceo fu notata dalla James Madison University dove è poi approdata. Una scelta felice visto che ha giocato quattro stagioni da protagonista assoluta fino ad essere nominata giocatrice dell’anno nel campionato scorso, interrotto per la pandemia e disputato a 18.6 punti di media. Quarta marcatrice di tutti i tempi della squadra universitaria con 1.888 punti, è stata scelta nel terzo round con il numero 28 del WNBA Draft dalle Indiana Fever (poi però non inserita nelle 12). Per quanto riguarda gli studi, ha conseguito una laurea in Kinesiologia con specializzazione in scienze motorie e attività di formazione in studi sulla disabilità.
“Kamiah ha un grande potenziale offensivo – spiega coach Alessio Cioni che l’ha scelta dopo aver seguito con grande attenzione il mercato americano – è una guardia che può dare una mano anche in apertura. Alta 178 cm, è molto forte fisicamente e viene da un buon college dove ha fatto un ultimo anno importante che gli è valso la chiamata al terzo giro di draft”.
Non resta che ricordare che indosserà la maglia numero 3 e darle il più caloroso benvenuto: welcome in Empoli, Kamiah.

FONTE: Ufficio Stampa Use Basket Empoli

Commenta
(Visited 32 times, 1 visits today)

About The Author

Martino Ruggiero Nato a Taranto, trasferito a Roma tre anni fa per inseguire il mio sogno e per studiare Giurisprudenza, 21 anni. Seguo qualsiasi sport da quando sono nato. Per la pallacanestro ho fatto il giocatore, l'allenatore e il telecronista ma i tasti più consumati del mio telecomando sono quelli che mi portano al calcio. Amante delle storie sportive, da raccontare, da leggere e da ascoltare. Appassionato di viaggi, non conosco un stato d'animo diverso dall'ottimismo.