Lions Bisceglie, ufficiale la firma di Davide Vavoli

Un’ala completa e moderna, a suo agio sia nello spot di 4 che nel ruolo di 3. Davide Vavoli è stato cercato con grande convinzione da Luciano Nunzi, nuovo coach dei Lions Bisceglie, e sarà quindi uno dei componenti del roster nerazzurro per la stagione agonistica 2021-22.

20 anni compiuti lo scorso 27 febbraio, il cestista nativo di Fondi ha vissuto la trafila delle giovanili con Latina, club di A2, giocando poi a Barcellona Pozzo di Gotto e a Cecina (in B), prima di accettare la chiamata di Ravenna, in A2. Il suo utilizzo medio è salito col passare delle settimane fino agli 11.6 minuti della seconda fase e si è mantenuto intorno agli 8 minuti nel corso dell’avvincente serie playoff con Tortona, formazione poi promossa in Serie A il cui settore giovanile era guidato dall’attuale trainer nerazzurro. L’ala laziale ha vestito anche la canotta della nazionale Under 18 nel corso del 2019.

Il contributo di Davide Vavoli (198 cm per 90 kg) risulterà cruciale per gli equilibri tattici del team che l’allenatore, in perfetta sinergia col ds Sergio Di Nardo e la dirigenza biscegliese, ha desiderato comporre per presentarsi al via del girone D del torneo di Serie B il prossimo 3 ottobre. Un gruppo che farà del talento, dell’energia e della voglia di emergere il suo marchio di fabbrica soprattutto fra i giocatori più giovani, in un mix ben calibrato con elementi di maggiore esperienza.

Sono sette, pertanto, i giocatori ufficializzati dai Lions Bisceglie per la composizione del roster della prima squadra: oltre a Davide Vavoli i lunghi Emmanuel Enihe e Gianluca Tibs, i playmaker Gabriel Dron e Simone Giunta, gli esterni Marco Giannini ed Edoardo Fontana.

Comunicato a cura di Ufficio Stampa Lions Basket Bisceglie.

Commenta
(Visited 45 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.