Napoli Basket, Marini: "Con Scafati l'abbiamo preparata bene. Ora concentrati sui prossimi impegni"

Il MVP per la Gevi Napoli Basket nel derby di Scafati, Pierpaolo Marini, è intervenuto nel corso di Radio Goal, in onda su Radio Kiss Kiss Napoli, radio ufficiale della società partenopea.

Ecco le sue dichiarazioni: “La sfida contro Scafati è stata molto dura sotto tutti gli aspetti. Abbiamo preparato bene la partita e siamo stati pronti. Coach Sacripanti ha detto che sarebbe stata una partita molto lunga e che si sarebbe decisa solo nel finale. Nonostante siamo stati sotto nel punteggio per gran parte della gara, non abbiamo mai mollato trovando alla fine la forza di ribaltare la situazione e vincerla giocando la nostra pallacanestro. Sapevamo che Thomas era un giocatore di categoria superiore, abbiamo fatto di tutto per contenerlo ed, alla fine, siamo riusciti a sfiancarlo grazie alla difesa molto forte dei nostri lunghi che hanno lavorato davvero bene su di lui.

Mayo non è ancora in forma ottimale, avrà bisogno ancora di tempo dopo il suo infortunio. Riaverlo con noi ci ha dato, oltre ad un immenso piacere, un grande aiuto sia nelle rotazioni, che nella gestione della gara. Dallo score di ieri, con tanti giocatori a segno, traspare l’ottima circolazione di palla che abbiamo avuto. Tutti sono stati protagonisti della partita. Quest’anno ci sono diverse squadre che sono ben attrezzate per puntare al salto di categoria. Nel nostro girone ci sono Forlì e la stessa Scafati. Il calendario è davvero fitto, oggi torniamo già sul parquet per preparare le prossime due sfide di mercoledì con Chieti al PalaBarbuto, e di domenica a Forlì. Non possiamo goderci la vittoria, dobbiamo essere concentrati sui prossimi match.”

Comunicato a cura di Ufficio Stampa Napoli Basket.

Commenta
(Visited 43 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.