Serie A, Reyer dominata al Forum. L'Olimpia dilaga 93-68

L’Olimpia gioca una partita di straordinaria intensità e lucidità su ambedue i lati del campo nel 93-68 conclusivo. Difende senza permettere alla Reyer di respirare, domina a rimbalzo, tira con percentuali alte, da due, da tre, dalla lunetta, non ha mai momenti di pausa e vince completando una settimana stellare. Coach Messina può ripartire il minutaggio tra tutti i giocatori, far debuttare due diciassettenni, in panchina per le assenze forzate di Ricky Moraschini e Davide Alviti, e usare anche quintetti mai visti prima, con Ricci da 3 in alternativa a Datome, poi può finire, ma a partita decisa, con Devon Hall da playmaker.

IL PRIMO QUARTO – L’Olimpia parte con un quintetto inedito, in cui Pippo Ricci gioca da ala piccola accanto alla coppia Melli-Hines. Proprio Ricci comincia la partita con grande impeto: segna da tre, esegue una stoppata, ruba un pallone anticipando in difesa. Milano parte 8-2 e costringe Coach De Raffaele al time-out. Il vantaggio tocca i nove punti e Ricci gioca da 3 anche al primo giro di cambi, accanto a Mitoglou e Hines. Sono la palle perse (cinque) a frenare la fuga dell’Olimpia. Due alley-oop per Biligha e una tripla di Datome momentaneamente aprono 13 punti di margine per l’Olimpia, ma l’ultimo canestro del periodo è di De Nicolao nel 20-10 per Milano.

IL SECONDO QUARTO – I primi quattro possessi fruttano sette punti, inclusi due canestri di energia di Mitoglou. La difesa non riduce l’intensità, genera palle perse e brutti tiri. Al secondo fallo di Mitoglou, l’Olimpia ha accumulato 17 punti di vantaggio prima che Venezia si sblocchi con una tripla frontale di Mazzola. Ma il leit-motiv della gara non cambia, la difesa dell’Olimpia controlla la partita, non lascia niente a rimbalzo (20-10, cinque sono di Melli), ci sono cinque palle rubate e 12 assist in metà gara (quattro di Rodriguez, ma tre di Ricci). Il vantaggio scollina oltre i venti punti dopo sei minuti con un 3/4 di Melli dalla lunetta. Venezia trova sostegno nei falli di Milano con cui si guadagna a sua volta qualche viaggio sulla linea di tiro libero. Il margine raggiunge i 24 punti  con Kyle Hines, prima che ancora allo scadere Phillip lo riduca a 21, sul 46-25.

IL TERZO QUARTO – Con tre triple di tre giocatori diversi e un rimbalzo offensivo convertito da Ricci, Milano scappa subito a più 29, anche se dopo la straordinaria applicazione del primo tempo la difesa è un po’ meno efficace nella prima parte della ripresa. Nella Reyer si accende Stefano Tonut con due jumper, poi Austin Daye riducendo il deficit a 20 punti dopo sei minuti. Venezia allunga anche la difesa in una zone-press a tutto campo, ma l’Olimpia non si scompone, torna a difendere forte e schizzare in contropiede, con Devon Hall che, attaccando il ferro, produce cinque punti consecutivi. Poi Rodriguez chiude il periodo con un floater che vale il 73-45.

IL QUARTO QUARTO – Il settimo assist di Rodriguez per la tripla di Datome permette all’Olimpia di scollinare oltre i 30 di vantaggio. Anche Mitoglou mostra tutta la sua abilità balistica segnando 10 punti nei primi quattro minuti e mezzo del periodo. Coach Messina usa anche Devon Hall da playmaker e visto che Milano non abbassa la guardia gli ultimi quattro minuti sono per il debutto assoluto prim di Leoni e poi di Rapetti, due ragazzi del 2004 prodotti del settore giovanile. 93-68 il finale.

Comunicato a cura di Ufficio Stampa Olimpia Milano.

Commenta
(Visited 21 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.