Reyer a segno contro Pesaro. De Raffaele: "Gran reazione nel quarto periodo"; Banchi: "Poco cinici negli ultimi 10 minuti"

Con un super quarto periodo (26-9 il parziale), la Reyer Venezia ribalta una sfida, quella con la Vuelle Pesaro, che si era fatta molto complicata. Al Taliercio, finisce 77-69 per i Lagunari, che ottengono così la seconda vittoria in campionato; resta a 2 punti, invece, Pesaro. Di seguito, le dichiarazioni dei due allenatori.

Cominciamo da coach Walter De Raffaele: “Una vittoria molto sofferta, ma altrettanto importante per il modo in cui l’abbiamo ottenuta. Per tre quarti della partita abbiamo faticato decisamente a trovare il canestro e ad essere fluidi, credo per troppa tensione e troppa ansia in un clima abbastanza surreale in alcuni tratti. Questo ha amplificato la tranquillità che aveva Pesaro, con la spinta del cambio di allenatore. Poi, come a volte capita, riprendendo inerzia difensiva e qualche canestro buono in attacco, siamo riusciti a ritrovare il ritmo grazie ai giocatori che hanno concluso la gara. Una capacità di reazione che dobbiamo portarci dietro“.

Tocca quindi a coach Luca Banchi: “Abbiamo prodotto uno sforzo eccellente fin dall’inizio con un buon livello di gioco sfruttando anche le opportunità che ci siamo costruiti. Abbiamo cercato comunque di restare in partita ma nell’ultimo quarto abbiamo commesso troppi falli con un metro oggettivamente discutibile mandando in lunetta Venezia; noi invece non siamo stati cinici a sufficienza per affrontare gli ultimi dieci minuti. Abbiamo perso palloni ingenuamente, commesso falli in attacco e agevolato il rientro di Venezia con errori difensivi. Faremo delle valutazioni in vista del prossimo match sulla base di quello che abbiamo visto oggi per diventare un gruppo più consistente nei momenti decisivi; stasera questo non è successo“.

Dichiarazioni a cura, rispettivamente, di Ufficio Stampa Reyer ed Ufficio Stampa Carpegna Prosciutto Basket Pesaro.

Commenta
(Visited 24 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.