Shields: "Siamo una squadra e combattiamo"

Chi è che assistendo al secondo tempo di Shavon Shields in Gara 2 non ha pensato al famoso quarto quarto di Gara 6 della finale scudetto del 2018? Era indemoniato allo stesso modo. 19 punti dei 21 totali, ma anche otto rimbalzi, e un incredibile +20 di plus/minus. “Shields ha avuto un infortunio pesante, è stato fuori tre mesi, questa è stata la sua miglior gara da quando è rientrato. Quando è venuto qui da Vitoria, reduce da due buone stagioni, non era ancora il protagonista che speravamo potesse diventare ed è diventato”, ha detto a fine gara Coach Ettore Messina. Tutto è cambiato nella prova offensiva di Shields (in difesa era già stato supremo nella parte iniziale della gara) alla fine del primo tempo. Con l’Efes avanti di due e in attacco, la difesa ha issato un muro, Micic ha sbattuto su Kaleb Tarczewski, lui ha preso possesso della palla ed è andato in attacco. Attorniato di difensori ha dovuto eseguire un tiro quasi impossibile, da sei metri, ma è entrato. Gli arbitri hanno chiesto conforto all’instant-replay. Buono. Da quel momento, Shields ha cambiato passo e nel secondo tempo è stato irresistibile. […]

“Ci siamo ricompattati – ha detto dopo la gara – abbiamo combattuto molto più duramente e abbiamo vinto. Dobbiamo avere questa mentalità, avanti il prossimo, perché con gli infortuni e altro siamo stati davvero sfortunati, ma siamo ancora una squadra e vogliamo restare insieme. Ora dobbiamo pensare a vincerne almeno una a Istanbul e tirare fuori il massimo da quello che rimane”.”.

Fonte: ufficio stampa Olimpia Milano

Commenta
(Visited 23 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.