Stella Azzurra affronta San Paolo e si prepara al giro di boa

Ultima giornata del girone di andata ed impegno non semplice per Viterbo che stasera affronta il San Paolo Ostiense, formazione che attualmente la affianca in classifica con uno score di 10 vittorie su 14 gare disputate.

La squadra romana è oggettivamente una delle migliori dell’intero lotto potendo contare su giocatori giovani, ma di indubbio valore, tra i quali emergono in particolare Loi, Amante, R. Conte e Miscione. I ragazzi allenati da Colella sono reduci da cinque vittorie consecutive, colte anche su campi difficili come quelli di Frassati e Pass e marciano spediti alla conquista di un’ottima posizione in chiave playoff.

La Stella Azzurra esce invece da una sconfitta del tutto immeritata sul parquet di Grottaferrata causa un libero subìto all’ultimo secondo e conseguente una conduzione arbitrale discutibile ed insufficiente per tutto l’arco della partita.

I biancostellati nell’ultima gara sono apparsi però in crescita e contro gli avversari odierni sperano anche di poter mettere in campo il loro roster completo, recuperando Price fermo da oltre dieci giorni.

San Paolo esprime un basket fatto di rapida circolazione, agonismo elevato e notevole gioco di squadra ed i biancoblu dovranno quindi rispondere con le loro caratteristiche più efficaci, intensificando soprattutto la difesa.

Una partita nella quale sarà importantissimo mantenere alto il livello di attenzione e dosare le energie per tutta la durata di un incontro che si preannuncia bello e combattuto.

Alle 18,00 palla a due al PalaMale’ sotto la direzione di Collura e Tripi di Roma. Per l’Ortoetruria andranno in campo Price, De Gregorio, Berto, Rogani, Navarra, Arelli, Baldelli, Meroi, Pebole, Rubinetti, Piazzolla e Casanova.

FONTE: Ufficio Stampa Stella Azzurra VT

Commenta
(Visited 54 times, 1 visits today)

About The Author

Martino Ruggiero Nato a Taranto, trasferito a Roma tre anni fa per inseguire il mio sogno e per studiare Giurisprudenza, 21 anni. Seguo qualsiasi sport da quando sono nato. Per la pallacanestro ho fatto il giocatore, l'allenatore e il telecronista ma i tasti più consumati del mio telecomando sono quelli che mi portano al calcio. Amante delle storie sportive, da raccontare, da leggere e da ascoltare. Appassionato di viaggi, non conosco un stato d'animo diverso dall'ottimismo.