Alfa Catania sconfitta pesantemente a Piazza Armerina

Sconfitta esterna per l’Alfa Basket Catania. Vince la capolista Siaz Piazza Armerina. Trasferta complicata per i rossazzurri che, privi ormai da tempo dell’infortunato Enrico Pappalardo, perdono prima della gara anche il play Federico Cuius, fermato da un problema fisico. A complicare la situazione, in casa Alfa, ci si mettono anche le precarie condizioni di Lorenzo Corselli e Daniel Arena.

Sul campo della capolista, il quintetto di coach Davide Di Masi fa quello che può. Piazza Armerina gioca una partita aggressiva e intensa con percentuali mostruose al tiro. Anche Luciano Abramo, colpito duro a uno zigomo, non riesce a dare il massimo di sé. Il capitano alfista resta fuori dalla contesa nel secondo e nel quarto periodo. I catanesi chiudono l’incontro con in campo tutti gli Under: Di Stefano (11 punti), Ingrassia, Torrisi, Turrisi ed Esposito. La Siaz PiazzaArmerina, trascinata da Vasilije Musikic e Occhipinti, vince e porta a 4 i punti di vantaggio, in testa alla classifica, sugli Svincolati Milazzo e sulla Fortitudo Messina. Per l’Alfa Basket Catania una giornata da dimenticare in fretta.

Bisogna ricompattarsi subito e preparare nel migliore dei modi il derby di sabato, al Leonardo Da Vinci, contro lo Sport Club Gravina.

SIAZ PIAZZA ARMERINA         105

ALFA BASKET CATANIA            62

Siaz Piazza Armerina: O. Musikic 4, Genovese 15, Causapruno 4, Guadalupi 1, V. Musikic 19, Savoca, Occhipinti 16, Milekic 7, Dondur 14, E. Caiola 11, Tartamella 8, G. Caiola 6. Allenatore: Diamante. Assistente: Ceccato.  

Alfa Basket Catania: Di Stefano 11, Ingrassia, Arena 5, Elia 10, Corselli 6, Torrisi, Turrisi 1, Esposito 1, Pennisi 6, Patanè 8, Barletta 2, Abramo 12. Allenatore: Di Masi. Assistente: Famà.

Arbitri: Cappello di Porto Empedocle e Barone di Palermo.

Parziali: 32-18, 54-30, 76-44.

Commenta
(Visited 49 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.