Trento in trasferta ad Ankara, Dusmet: "Tutti ci tengono a fare bene"

Turk Telekom Ankara (8-6) vs. Dolomiti Energia Trentino (1-13)

Round 16 regular season 7DAYS EuroCup | Ankara Sport Salonu, Ankara

Martedì 22 marzo 2022 ore 18.00 | Sky Sport Arena, Eleven Sports

 

1. Avanti tutta!

Da Treviso ad Ankara: la Dolomiti Energia Trentino non ha nemmeno avuto il tempo di rientrare in città prima di partire per la prossima trasferta europea, quella che ha portato i bianconeri ad Ankara, la città capitale della Turchia. Il Round 16 della regular season in 7DAYS EuroCup ha poco da offrire ai bianconeri in termini di classifica, ma può diventare una preziosa occasione per continuare a crescere e provare a strappare un successo che nel 2022 in coppa manca ancora. Certo, non sarà facile il colpo esterno sul campo di una squadra molto completa e ambiziosa, a maggior ragione viste le assenze annunciate di Dominique Johnson e Johnathan Williams. Entrambi gli statunitensi stanno lavorando per superare i problemi muscolari che ne hanno limitato l’utilizzo nelle ultime uscite e cercare di farsi trovare pronti per la delicata sfida di domenica sera, quando alla BLM Group Arena arriverà l’Allianz Trieste.

2. Le parole dell’assistant coach Davide Dusmet

«Ankara è una squadra di grande talento – ha detto l’assistant coach Davide Dusmet presentando la partita di domani sera – specialmente negli esterni: Perez, Clemmons e Terrell sono tre giocatori con ottime capacità realizzative. Intorno al ferro c’è JaJuan Johnson che ricordiamo in Italia a Cantù e che lo scorso anno ha giocato l’Eurolega, è un punto di riferimento molto importante del loro attacco: con il cambio di allenatore Ankara è una squadra che ha alzato molto il proprio ritmo di gioco, che si basa sul flusso e nella rapidità nel leggere e attaccare le difese. Siamo chiamati a giocare una partita in cui anche se non c’è ambizione di classifica dev’esserci quella di fare una buona partita su un palcoscenico importante come quello dell’EuroCup, tutti ci tengono molto a fare bene: contro Ankara difensivamente troveremo alcune situazioni che abbiamo affrontato a Treviso, questo può farci bene nel migliorarle. Ultimamente abbiamo alzato il nostro livello di solidità e costanza all’interno dela partita, ma sappiamo di dover fare ancora meglio».

3. Turchi

Il Turk Telekom è una squadra ambiziosa e di grande talento, capace in estate di assemblare un team in cui trovano spazio tanti giocatori di livello Eurolega per qualità fisiche e tecniche. JaJuan Johnson e Octavius Ellis la coppia di lunghi titolari: Johnson, visto in Italia a Cantù e compagno di squadra di Flaccadori al Bayern Monaco lo scorso anno, è un’ala forte con ottimi istinti realizzativi (12,8 punti e 5,6 rimbalzi di media), Ellis invece è un centro di grande verticalità e presenza attorno al ferro (8,5 punti ma soprattutto 1,5 stoppate di media, il migliore di tutta l’EuroCup).

Intorno alla coppia di lunghi USA si incastrano giocatori di alto livello come il messicano Alex Perez (9,7 punti di media) e il play Anthony Clemmons (11,8 punti) che aveva cominciato la stagione a Sassari. Il pacchetto stranieri è chiuso dal brillante esterno Jared Terrell (10,2 punti), dalla guardia Tyler Ennis e dall’esplosiva ala piccola Aubrey Dawkins, autore di 15 punti nel match di andata. Anche nel nucleo turco però c’è leadership e capacità di avere impatto sulla partita, lo sa bene Trento che alla BLM Group Arena fu superata anche grazie ai 43 punti complessivi dei giocatori turchi di Ankara.

Prima di quest’anno erano tre i precedenti tra l’Aquila e il Turk Telekom, entrambi nell’autunno 2018: in entrambe le occasioni ebbero la meglio i turchi, che alla BLM Group Arena vinsero 77-81 grazie allo show balistico del piccolo ma imprendibile TJ Campbell (7/12 da tre).

 

Comunicato a cura di: Ufficio Stampa Aquila Basket Trento

Commenta
(Visited 63 times, 1 visits today)

About The Author

Massimo Furlani Nato a Trento nel 1998, laureato in Studi Internazionali e aspirante giornalista. Malato del basket tanto italiano quanto americano, Dwyane Wade e Steve Nash gli idoli.