Pall. Brescia, Sandro Bencardino non sarà più il preparatore atletico della prima squadra

Germani Brescia comunica che Sandro Bencardino non ricoprirà più il ruolo di preparatore atletico della prima squadra. Arrivato a Brescia nell’estate del 2020, Bencardino è costretto a lasciare l’incarico per motivi personali. A Sandro, persona di grande spessore dal punto di vista professionale e personale, va il più sincero ringraziamento per l’attività svolta per la nostra società e i migliori auguri per il prosieguo della sua carriera.

Abbiamo appreso da Sandro Bencardino questa decisione, legata a motivi strettamente personali, che lo costringono a fare rientro a casa – spiega Sandro Santoro, general manager della Germani Brescia -. Abbiamo apprezzato le enormi qualità professionali e umane di una persona che ha dato più del massimo nel periodo in cui è stato con noi”.

La riteniamo una grossa perdita per le potenzialità che lo stesso Bencardino ha dimostrato di avere esercitando il suo lavoro, ma dobbiamo accettare la sua decisione perché nella vita, oltre alla professione, ci sono cose più importanti e non possono essere trascurate – conclude Santoro –. Questa sua scelta non fa altro che rafforzare le qualità di un uomo che ci auguriamo di poter rincontrare”.

Sandro è un grande professionista, che tutti conoscevano e che anche io avevo il piacere di conoscere – il pensiero di coach Maurizio Buscaglia –. È stata una bellissima cosa trovarlo al mio arrivo a Brescia, dove si è creato immediatamente il giusto feeling, tanto sul campo quanto rispetto al metodo e al lavoro. Le scelte della vita talvolta sono complicate, ma capiamo e rispettiamo molto la sua. Per Sandro conservo un forte sentimento di amicizia e tanto rispetto”.

Comunicato a cura di Ufficio Stampa Pallacanestro Brescia.

Commenta
(Visited 46 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.