Cantù-Fortitudo Bologna, Pancotto: "Dovremo pareggiare loro qualità e atletismo"

CantùFortitudo, pur senza pubblico, non è mai una partita come le altre: è storia, passione e tradizione. A rendere ancor più speciale il big match del quattordicesimo turno, penultimo del girone di andata di LBA, è il ritorno da ex di coach Luca Dalmonte, sulla panchina canturina dal 2007 al 2009. Dalmonte si è insediato a Bologna lo scorso 7 dicembre, subentrando al posto di Romeo Sacchetti, esonerato dopo otto sconfitte nelle prime nove giornate; oltre a lui, nella Fortitudo figurano altri ex canturini: Stefano Mancinelli (27 presenze in campionato), Pietro Aradori (oltre 1300 punti in 95 partite tra campionato, Eurolega ed Eurocup) e Marco Cusin (quasi 100 presenze); tutti e tre hanno giocato insieme in Brianza nella stagione 2012-’13. A differenza di Mancinelli, che è stato a Cantù solo per pochi mesi, Aradori e Cusin hanno condiviso lo spogliatoio canturino per due annate consecutive, dal 2012 al 2014.

[…]

«La Fortitudo è una formazione di alto livello e non ho intenzione di soffermarmi soltanto sulla sua attuale posizione in classifica; è un’avversaria ricca di qualità e atletismo, caratteristiche che è riuscita a dimostrare non solo vincendo tre delle ultime quattro partite, ma anche superando alcuni momenti di difficoltà. Bravo l’allenatore, Dalmonte, che sta dimostrando a tutti gli effetti di dare valore a questa squadra» ha commentato coach Pancotto in sede di presentazione.

Il tecnico marchigiano si è soffermato, poi, anche sul successo ottenuto nello scorso turno di campionato: «Una vittoria concretizza sempre i sacrifici fatti. Contro Reggio Emilia, oltre al risultato favorevole, abbiamo espresso anche una certa qualità del gioco e questo, in virtù di quanto di buono eravamo riusciti a fare nelle precedenti partite, è per noi molto importante. È un premio a chi, e parlo sia di staff sia di giocatori, durante tutta la settimana lavora duramente perché ciò avvenga».

Infine, sul nuovo innesto, Kavell Bigby-Williams, e sul ritorno di Jaime Smith, coach Pancotto si è così espresso: «Stiamo lavorando con Kavell per metterlo nella condizione psico-fisica di giocare nel campionato italiano e di consentirgli di inserirsi nel miglior modo possibile all’interno di un gruppo che lavora insieme da cinque mesi. Quanto a Jaime, che è un nostro leader importante, il suo ritorno è significativo perché dà a tutti fiducia, certezze e sicurezze; per noi è un elemento indispensabile, il cui ritorno ci permette di ripristinare le rotazioni naturali, anche se devo dire che, in sua assenza, la squadra ha comunque dimostrato di avere personalità e carattere» la chiosa del capo allenatore della S.Bernardo. […]”.

Fonte: ufficio stampa Pallacanestro Cantù

Commenta
(Visited 37 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.