Cus Jonico Taranto, tante emozioni nel 'Memorial Imbimbo'

Doveva essere solo una rimpatriata tra vecchi compagni di squadra. È stato molto e molto di più. Emozioni a non finire al Palafiom, ieri, nel Memorial Guglielmo Imbimbo che ha visto una vera e propria festa della pallacanestro tra passato, presente e futuro nel ricordo di un giocatore, o meglio, una persona straordinaria, quale è stato il caro William.

Nella prima parte della serata le speranze della pallacanestro tarantina si sono affrontate in un’amichevole. Bella e avvincente fino al suono della sirena la partita tra le giovanili della Virtus Taranto e dell’Anspi Santa Rita allenate rispettivamente da Mario Cottignoli e dall’ex Cus, Nicola Leale. Poi sul parquet del Palafiom si sono affrontati in un’altra gara avvincente alcuni grandi ex del recente passato del basket tarantino che per l’occasione hanno vestito le canotte con i colori verdi della mitica Ricciardi. I vari Massari, Ravioli, Sasso, Azzaro, Luzzi, Vitti, Giuffrè, Lagioia, Laterza Max, Laterza Checco, Durso, Amatulli, De Florio, Martemucci, Dimarti, Ciaccia, Frisenda. Anche qui con due coach d’eccezione, Giacomo Laterza e Sandro Albanese.

E quindi il clou della serata. La celebrazione del gruppo di giocatori tarantini che ha segnato un’epoca del basket tarantino a partire dagli anni ’60 compagni di squadra, nell’INA Taranto proprio di William Imbimbo. Una reunion emozionante per Michele Miano, Mimmo Mastillone, Sergio Lamalfa, Beniamino Mignogna, Ennio Donatelli, Tommaso Ciaccia, Giovanni Russo, Gianni Iaci, Oscar Ravioli, Giacomo Laterza, Gianni Fabrizio, Michele Conversano, Mimmo Di Paola.

Il tutto davanti agli occhi del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci e il Questore di Taranto, Giuseppe Bellassai. “Bello rivedere come una grande famiglia questi compagni di squadra rincontrarsi a tanti anni di distanza – ha detto Sergio Cosenza, presidente del CJ Basket Taranto che ha organizzato il Memorial – tutto il movimento del basket cittadino è cresciuto grazie a quel gruppo e a quei giocatori di cui William Imbimbo faceva parte, riaverli qui tutti insieme è motivo di grande orgoglio”.

La serata si è conclusa proprio con il presidente del CJ Basket Taranto, Sergio Cosenza e il vicesindaco del Comune di Taranto, Fabiano Marti, che hanno consegnato una targa ricordo alla figlia di Guglielmo Imbimbo, Doriana ed alla moglie Rosa visibilmente emozionate. “E’ stata una grande persona, non solo per lo sport ma anche per la cultura della città ed io in qualità di l’assessore allo Sport e Spettacolo, gliene rendo merito maggiormente – ha detto Fabiano Marti – anche perché nel suo nome si è organizzata questa serata che è un po’ il trionfo dei valori dello sport e del basket in particolare a partire dai giovanissimi che abbiamo visto all’inizio con le giovanili e poi salendo di età. Grazie William!”.

Promotore dell’evento è stato il CJ Basket Taranto che era presente con staff tecnico e dirigenti ma anche e soprattutto la prima squadra che a partire da sabato difenderà i colori della città nel campionato di serie B. “Stupenda serata – ha chiosato il vicepresidente CJ, Roberto Conversano – ringrazio innanzitutto i ragazzi under 17 Virtus e Santa Rita che hanno dato vita ad una bellissima partita dove si è visto il lavoro di grandi coach tarantini (Cottignoli e Leale, ndr). E poi due squadre di giovani cadetti Ricciardini all’epoca di William. Per questo abbiamo voluto uscire completi bianco verdi della mitica Ricciardi. E poi permettetemi un grazie enorme a tutti gli amici di William intervenuti in questa serata, alla presenza di quasi tutta la giunta comunale ed il ns Questore. Ci auguriamo di aver fatto piacere alla famiglia Imbimbo ma soprattutto al Basket tarantino”.

Comunicato a cura di Ufficio Stampa Cus Jonico Basket Taranto.

Commenta
(Visited 28 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.