EuroCup, Virtus ko a Kazan, che impatta la serie. Djordjevic: "Loro hanno comandato, ma potevamo vincerla. Peccato"

UNICS Kazan vs Virtus Segafredo Bologna: 85 – 81
(Q1 18 – 14; Q2 47 – 37; Q3 71 – 61)

KAZAN: Brown 6; Antipov NE; Canaan 19; Zhbanov; Wolters 8; White 12; Klimenko 3; Uzinski; Smith 8; Morgan 11; Holland 3; Theodore 15.
Coach: Pfitris.

VIRTUS: Tessitori 6; Abass 2; Pajola 2; Alibegovic; Ricci 7; Adams; Belinelli 33; Hunter 10; Weems 2; Teodosic 11; Gamble 5.
Coach: Djordjevic.

Arbitri: BELOSEVIC, ILIJA; KOLJENSIC, MILOS ; CELIK, HUSEYIN.

La partita.

In una arena con 5321 spettatori, la Virtus perde la sua prima partita stagionale in Eurocup, si trova 1-1 nella serie e mercoledì si giocherà tutto nella “bella” alla Segafredo Arena.

Nel primo quarto c’è molta fisicità e pochi punti. In casa Unics si rivede Wolters, che dopo due mesi torna in campo e segna subito cinque punti. 18-14 alla prima pausa. Kazan arriva a +8 (24-16), ma la Virtus rientra subito, trovando anche la prima tripla (Ricci) dopo otto errori. L’intensità dei russi è molto alta e Smith è caldissimo. Un ottimo Belinelli prova a tenere a contatto i suoi, ma nell’ultimo minuto del secondo quarto c’è un pesante 7-0 russo firmato Canaan-Klimenko e a metà il parziale è 47-37.

Nel terzo quarto la Virtus va in rottura prolungata. Kazan ha il doppio dell’energia, prende ogni rimbalzo e arriva anche al +18 (66-48) con schiacciata di John Brown. La reazione bianconera è affidata a Marco Belinelli, che è totalmente immarcabile: tre triple, di cui una carpiata con fallo: 12 punti in due minuti e -9 (69-60). Theodore prende fallo sul tiro da tre, e così Teodosic sulla sirena, in maniera molto furba, forzando il quarto fallo di Smith. Il 44 fa 1/2 e al 30’ il punteggio è 71-61. Kazan torna subito a +15, ma Belinelli fa quello che vuole, e tiene a galla la Segafredo praticamente da solo.

La Virtus prova il tutto per tutto, alzando di molto l’intensità difensiva. La rubata di Belinelli e successivo contropiede vale il -5. Brown fa 0/2 ai liberi, e Pajola segna il -3 a 2’ dalla fine. Ancora l’ex Brindisi in lunetta ne mette uno, e Belinelli il -2. Errore di Theodore, sbaglia Teodosic, sbaglia Smith, penetra Teodosic e pareggia a 19 secondi dalla fine. Fallo di Pajola a 12”, e Smith fa 2/2. Smith mette i successivi 2 liberi e chiude la partita, 85-81 e tutto rinviato a gara tre.

Coach Djordjevic a fine gara: “Abbiamo trovato il modo di giocare contro una squadra estremamente aggressiva nel secondo tempo. Erano davvero aggressivi, hanno tirato 10 tiri liberi in più di noi, ovviamente a causa alla loro aggressività qui in casa. Non mi sono piaciuti le palle perse nel primo tempo. Quello che abbiamo preparato, non lo abbiamo eseguito bene. Abbiamo avuto 9 palle perse e questo ha dato fiducia all’UNICS. Loro sanno giocare e hanno molti portatori di palla talentuosi. Hanno controllato la partita ma alla fine abbiamo avuto la possibilità di vincerla. Peccato. Vedremo mercoledì, continueremo a lottare. I tifosi? È bello giocare davanti a loro E’ la prima volta per noi quest’anno, e questo è stato sicuramente un aiuto per Kazan. Se avessimo i nostri fan nella nostra arena saremmo molto, molto felici, ma purtroppo non possiamo averli.”

Comunicato e dichiarazioni a cura di Ufficio Stampa Virtus Segafredo Bologna.

Commenta
(Visited 35 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.